Utente 122XXX
Salve,circa due mesi fa dovevo fare una risonanza magnetica totale con mezzo di contrasto;non avendo mai assunto farmaci di nessun tipo,tranne zimox come antibiotico,ho avuto paura per il mezzo di contrasto e ho preferito farmi "desensibilizzare",non so se è il termine giusto.Mi hanno fatto assumere del deltacortene Forte e poi una fiala di TRIMETON intramusolare un ora prima.Mentre ero in attesa però mi sono comparse delle chiazze rosse sul petto e nell'addome per un pò di minuti,poi sono scomparse e poi ricomparse.Il radiologo ha preferito non procedere col mezzo di contrasto e fare una risonanza normale.Siccome dovrei farla col contrasto,sono andata da un allergologo.Questo mi ha detto che non è possibile che io possa essere allergica alla trimeton in quanto è un antistaminico.Ha detto che probabilmente sarà stata una reazione avversa ad un eccipiente.Mi ha detto di sostituire la trimeton con la FARGANASSE,che dice lui che ha meno eccipienti.Io ho controllato su internet nelle schede sui due farmaci ed anzi la farganasse ha maggiori eccipienti,e la trimeton solo acqua per soluzioni iniettabili.
Io mi chiedo:non è possibile fare prima dei test per testare l'allergia a queste sostanze?
Ma soprattutto,nel momento in cui io mi trovo ad aspettare che mi inniettano il mezzo di contrasto e mi compaiono di nuovo ste macchie,cosa devo fare??!!

Grazie,la prego mi chiarisca le idee.
L'allergologo che ho consultato non ha riscosso la mia fiducia!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile signora/ina,
quanto è accaduto è del tutto anomalo, dal momento che sembra aver presentato un episodio di orticaria nonostante una premedicazione (in apparente assenza di indicazione) con l'antistaminico e dosi medio-alte di cortisonico (che sono appunto farmaci antiallergici).
Oltre ad effettuare un'accurata valutazione anamnestica, il Suo allergologo potrebbe eventualmente pensare di giungere a dei test di provocazione, somministrandoLe nuovamente i farmaci assunti in quell'occasione.
Saluti,