Utente 145XXX
Salve, ho subito esattamente 3 mesi fa una fundoplicatio secondo Nissen, a causa di una MRGE non responsiva a terapia farmacologica. Ho ottenuto sicuramente dei benefici in quanto sono scomparsi sia il reflusso che il rigurgito, ma sono insorti dei nuovi problemi. Già da alcuni giorni dopo l'intervento si sono verificati degli episodi di improvviso e consistente abbassamento della pressione accompagnati da forte sudorazione e senso di svenimento durante i pasti. Presento inoltre un senso di sazietà precoce e riesco a mangiare pochissimo, in quanto, non appena provo a sforzarmi per mangiare di più, si presentano queste crisi vagali. I medici si aspettavano che nel giro di 2 mesi dall'intervento prendessi almeno 3- 4 kg, cosa che non è avvenuta, anzi, dal momento della dimissione ad oggi, il mio peso è sceso di altri 2 kg...e adesso peso 45,5 kg per 168cm. Il chirurgo che ha eseguito l'intervento non riesce a capire la motivazione per cui questo accada e imputa tutti i miei malesseri a una ridotta motilità gastrica e intestinale. Attualmente la mia terapia farmacologica prevede inibitori di pompa e varie bustine per favorire la regolarità intestinale. E' possibile che la spiegazione della mia sintomatologia sia davvero quella che mi ha esposto il chirurgo? Oppure c'è la possibilità che il nervo vago sia stato in qualche maniera intaccato durante l'intervento? Ringrazio anticipatamente!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2006
Gentile signora

entrambe le supposizioni potrebbero essere veritiere (ridotta motilità gastrica e intestinale o interessamento vagale) ed in alcuni casi potrebbero essere correlate, ma a distanza risulta difficile poter effettuare una diagnosi.

Cordiali saluti