Utente 175XXX
salve sono n ragazzo di 29 anni,mi è successo una settimana fa che dopo aver finito di mangiare un piatto di pasta a pranzo tutto all'improvviso mi è venuto un forte dolore al torace,tanto forte da far fatica a respirare dal dolore,dopo circa 15 minuti il dolore passa pero dal momento in cui è passato ho cominciato a far fatica a respirare.se cammino faccio fatica a respirare,è come se qualcuno con due dita mi stringesse la parte bassa della trachea...quando vado a dormire se mi sdraio a pancia in su la cosa peggiora e anche se mi metto nel fianco destro,invece se mi metto sul lato sinistro rimane uguale a come se stessi seduto o in piedi,se provo a fare dei piccoli saltelli o a correre è come se avessi qualcosa dalla gola un po spostato a destra che balla su e giù e il respiro peggiora ancora di più.sono andato dal medico e mi ha prescritto degli antinfiammatori e delle pastiglie per il reflusso gastroesofageo.premetto che io soffro di aritmie,gastrite e una lieve esofagite quest ultime riscontrate con gastroscopia.ora sono passati 6 giorni dall'accaduto e poco è migliorato a parte il respiro lievemente migliorato,il mio medico mi ha prescritto dei raggi al torace,ecografia della tiroide,ecografia torace e addome,ma per gli ultimi due gli appuntamenti li ho per gennaio 2011.secondo lei dottore che cosa può essere......se la situazione non migliora cosa faccio torno dal mio medico o aspetto gli esami di gennai 2011. mi ero dimenticato di dirle che è da un po che ho una leggera tosse,con poco catarro. grazie per l'attenzione saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Esegua anche una Rx del torace. Buona giornata. cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Dando per accertato che il cuore non c'entra con i Suoi sintomi, il comportamento del Suo medico mi sembra corretto.
Continui a trattare il reflusso gastroesofageo e vedrà che pian piano si sentirà meglio.
Nell'improbabile caso di caso di persistenza dei sintomi, può provare ad anticipare gli esami previsti per gennaio (ma l'ecografia torace non esiste, forse si tratta di un equivoco).
Cordiali saluti