Utente 102XXX
Salve dottori, vi contatto a nome di mio fratello che oggi ha effettuato un ecocolordoppler cardiaco per il quale ha ottenuto il seguente referto.
Atrio sinistro di normali dimensioni. valvola mitrale morfologicamente normale. ventricolo sinistro di normali dimensioni cavitarie e spessori parietali. Buona la cinesi globale e segmentaria (FE 60%). valvola aortica con regolare escursione sistolica delle semilunari. Radice aortica di regolare calibro. Atrio destro dilatatato (50x48 mm). ventricolo destro di dimensioni cavitarie aumentate (Dtd 51mm). valvola tricuspide con cuspidi ridondanti. assenza di versamento pericardico. COLORDOPPLER: insufficienza valvolare tricuspidalica e polmonare di grado lieve. Minimo rigurgito valvolare e mitralico. Il medico ci ha chiesto di cheidere un parere ad un cardiologo di fiducia. Nell'attesa potrei avere qualche informazione in più in merito al referto? sinceramente non abbiamo capito bene cosa vuol dire il referto. grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
171326

Cancellato nel 2012
Gentile utente,
in realtà l'eco da Lei riportato non è esaustivo, mancano dei parametri importanti, tipo la pressione stimata in ventricolo destro, la presenza di eventuali segni di displasia e l'eventuale presenza di difetto interatriale o di ritorno venoso polmonare anomalo.
Le spiego, le camere cardiache destre (atrio e ventricolo destri) potrebbero essere dilatate perchè maneggiano più sangue di quanto dovrebbero. Questo potrebbe essere dovuto alla presenza di una anomalia congenita come una comunicazione tra l'atrio di sinistra e l'atrio di destra che fa si che il sangue invece di "scendere" in ventricolo sinistro passa in atrio destro va nei polmomi e da qui ritorna in atrio sinistro. Possono esserci anche altre cause di dilatazione delle sezioni destre, come malattie del muscolo cardiaco o una malattia che si chiama ipertensione polmonare, ma quando in un soggetto così giovane trovo una dilatazione così importante sia di atrio e ventricolo francamente la cosa più probabile è un'anomalia congenita.
[#2] dopo  
Utente 102XXX

Iscritto dal 2009
Grazie mille per la tempestività con cui mi ha risposto. Purtroppo per adesso queste sono le uniche informazioni in merito da me in possesso. Siamo in attesa di una visita da uno specialista.è stato molto chiaro però non ho ben capito l'importanza o più precisamente la serietà di questa anomalia. Mi chiedevo se è qualcosa di risolvibile, non so magari chirurgicamente e soprattutto quali conseguenze potrebbe comportare sottovalutare questo problema. grazie.
[#3] dopo  
171326

Cancellato nel 2012
Non le so dire perchè parliamo dal punto di vista ipotetico. Ad intuito, occupandomi di cardiopatie congenite, quando vedo una dilatazione equamente distribuita ad atrio e ventricolo destri penso che l'ipotesi piu probabile sia quella, ma non so dirle altro perchè la cosa andrebbe verificata prima e, se c'è, quantificata. se fosse questo il problema è una cosa da correggere, in che modo dipende, spesso si può anche evitare la chirurgia... Faccia la visita, parlare a vanvera serve a poco.