Utente 645XXX
Salve,due anni fa il dentista mi ha impiantato quello che chiamò "perno monco", in sostituzione di un dente cariato, sopratutto dall'interno, che poi si è letteralmente sbriciolato e che non era quindi salvabile. Il dentista tolse quello che ne restava, disse che avrebbe devitalizzato e poi impiantato questo perno fisso". Prese il calco,etc. E' andato tutto bene, almeno così pensavo, sta di fatto che dopo un pò di tempo ho inziato ad avvertire un doloretto,lo stesso tipo di fastidio che si prova quando ci si accorge di avere una carie nella fase inziale.Nonci ho badato, sperando che fosse una cosa passeggera. Invece tende a peggiorare, nel senso che il dolore si fa più intenso,non isopportabile, ma comunque abbastanza da impedirmi di masticare dal lato dove c'è il perno, e più persistente. E' quasi sempre presente,e se tocco,spingo o picchietto con un dito sul dente-perno sento dolore.Proprio uguale a quello di un dente cariato. Ho contattato il medico che me l'ha impiantato,che mi ha detto di andare a fare una radiografia, ma non mi ha spiegato in nessun modo da cosa dipenda il mio fastidio.L'altro giorno ho avvertito chiaramente il dolore espandersi verso l'alto,quando ho serrato i denti, ben al di sopra della gengiva, una specie di indolenzimento esteso un pò nel cranio, è una cosa difficile da spiegare. sapreste dirmi cosa succede e perchè? Bisognerà intervenire nuovamente? Grazie.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
172424

Cancellato nel 2010
Cara Signora, mi lascia veramente molto perplesson che l'abbia mandata a fare una radiografia, perchè in questi casi si dovrebbe fare la Rx Endorale in studio nel contesto di una Visita Odontoiatrica, la sola che possa portare ad una diagnosi.

Per quello che dice non è che possa dire molto, io,

perchè non ho la sua situazione clinica e quindi posso solo "imtuire".

Probabilmente qualcosa crea nella radice una sofferenza della stessa.

Bisogna solo visitarla e fare ripeto Una Rx endorale!

Cordialmente
[#2] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
Gentile utente provo a fare una ipotesi diagnostica, potrebbe trattarsi di una frattura radicolare del dente nel quale è stato cementato il perno moncone, evenienza questa purtroppo non rara in questo tipo di restauri. L'esame radiografico e l'esame clinico consentiranno al dentista che la visiterà di fare una diagnosi certa e di proporle un piano di trattamento.
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Auletta
28% attività
8% attualità
16% socialità
GIUGLIANO IN CAMPANIA (NA)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2009
ma non mi ha spiegato in nessun modo da cosa dipenda il mio fastidio.

Gentile utente non prenda questa negazione da parte del suo dentista come un distaccarsi dal problema,ma effettivamente oltre alla ipotesi che le è già stata descritta,possono essere tanti i motivi di suoi disturbi e giustamente il suo dentista preferisce esprimeri dopo la visita e la valutazione RX.
[#4] dopo  
Utente 645XXX

Iscritto dal 2008
Grazie molte a tutti per le risposte. Non ho preso il suo non fornirmi spiegazioni come una mancanza di interesse, ho pensato più che altro che volesse posticipare le brutte notizie. Ora, mi sento più tranquilla, ma comunque, preciso che la "radiografia" (non mi sbaglio, ha detto proprio così), non l'ho ancora fatta, lo richiamerò per cheiedere delucidazioni in merito. E ovviamente,dopo bisognerà fare questa rx endorale, vedremo cosa ne verrà fuori. Grazie ancora.
[#5] dopo  
Dr. Cataldo Palomba
44% attività
8% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
Non escluderei dalle ipotesi un'origine endodontica della sintomatologia, cioè per la presenza di un granuloma apico-radicolare ed il probabile formarsi di un ascesso: sarà la rx endorale a chiarire il quadro clinico.
Cordiali Saluti
[#6] dopo  
Dr. Maurizio Cozzi
20% attività
0% attualità
8% socialità
()
Rank MI+ 28
Iscritto dal 2008

Gentile utente,

Sono notevolmente stupito dal fatto che il suo dentista

in seguito ai suoi disturbi descrittigli, non abbia

provveduto a farle personalmente una RX endoorale, tale

cosa mi fa nascere un sospetto,facilmente comprensibie......dai colleghi.
Comunque ritengo,che il dente con il perno endocanalare
Quasi sicuramente presenta una frattura verticale della
radice,e quindi, molto probabilmente, dovrà essere
estratto. Faccia in ogni caso una radiografia.

Saluti
[#7] dopo  
Utente 645XXX

Iscritto dal 2008
Eh, dottor Cozzi,non le dico quanto sono perplessa io. Anche perchè quando ho spiegato al medico in questione quello che succedeva al perno da lui stesso impiantato, ero nel suo studio e stava facendomi una pulizia dei denti. Mi ha detto semplicemente di fare questa "radiografia" e che si potevo farla da lui, ma due mesi dopo, in pratica mi ha detto torna ad Agosto,ed in quel momento era Giugno,lasciandomi intendere che potevo aspettare tranquillamente oppure se volevo, andare da qualcun'altro, e questo è quanto. E per questo motivo poi, come ho spiegato, ho avuto paura che volesse posticipare le brutte notizie o evitare in qualche modo di ammettere eventuali errori e quindi riparare .Insomma,non voglio fare "quella in malafede" capisco che devo assolutamente fare l'RX, e che probabilmente si dovrà reintervenire, il che è una seccatura necessaria,però sinceramente penso di rivolgermi ad un altro medico. Ma quand'anche dovessi decidere di aspettare e tornare dallo stesso medico, esibendo la fattura da lui rilasciatami, potrò usufruire del suo servizio evitando di pagare una seconda volta? L'errore, se c'è, è suo, o è una cosa che può capitare normalmente in certi interventi?
[#8] dopo  
172424

Cancellato nel 2010
Cara Signora, il suo dentista l'ha lasciata così da Giugno ad Agosto? Le ha fatto capire di andare pure da qualcun altro?

E le vada da un'altro!!!

Per quanto riguarda però parlare du errore, di malafede...ci andrei piano.

Perchè una radice, contenente un perno o un pernomoncone, si può fratturare per tanti motivi
che spesso non hanno nulla a che vedere con l'errore o con la malafede!

Vede cara signora, il Medico Dentista deve garantire la massima qualità possibile e perizia del suo operato,
non i risultati!

Come qualsiasi Medico:

Esempio lei ha una influenza?
Il medico la cura con perizia e passione, ma non può garantire che lei guarisca dall'influenza e non abbia complicazioni dovute all'influenza!

Quindi il suo DEntista , se ha fatto tutto con perizia e qualità, non ha nessuna colpa se la radice si è fratturata. L'ìunica colpa è di non averla informata di questa eventualità!

Ecco perchè è importante che si crei quel clima di reciproca fiducia e rispetto e stima tra paziente e medico per il buon esito di una terapia.

Ne parli con sinceritàtto e stima con lui e sono sicuro che, a prescindere dalle colpe le farà la terapia a sue spese o chiedendole un piccolo contributo per coprire i costi dei materiale, a seconda di quello che dovrà decidere di fare per risolvere il problema.

Mi creda non è una "difesa" del collega, corporativistica!

Io sono qui per Lei, Paziente.

E lei Paziente è il centro di ogni mio pensiero in questa vicenda.

Quindi parlo nel suo interesse e per il suo bene. mi creda, la prego!

Se no la situazione degenerebbe col suo Dentista e non appriderebbe a nulla!

Cordiali saluti e la prego di farmi sapere il prosieguo della sua vicenda.

Vedrà che ne uscirà fuori benissimo.
[#9] dopo  
Utente 645XXX

Iscritto dal 2008
Si figuri, parlavo della mia eventuale malafede, non di quella del dentista. Ovviamente mi sono sorti dei dubbi quando mi ha detto di tornare ad Agosto senza spiegarmi che era una cosa che poteva succedere, e io questo volevo sapere, e lei dottor Petti, ha risposto in maniera più che esauriente.Ne parlerò sicuramente al dentista che ha impiantato il perno. E intanto la informo che ci vado di corsa luniedì perchè la sensazione di fastidio è aumentata da un paio di giorni in qua, sento proprio il fastidio molto più in alto di dove si trova il perno, sotto e a lato del naso, più o meno, non so come spiegare meglio. E' come se il dente spingesse verso il basso, e nel serrare i denti avverto questa strana sensazione che si propaga verso l'alto. Dolore non ne sento molto, è poco ma persistente,e lo sento solo se mastico il cibo usando i denti del lato destro, dove c'è il perno. Quindi a breve saprò dirle qualcosa di nuovo. Grazie veramente a tutti per avermi aiutata a capire meglio.
[#10] dopo  
172424

Cancellato nel 2010
Cara signora, il sintomo che descrive è chiarissimo ed è spiegato benissimo.

Lei descrive la sintomatologia di una soffferenza osteolitica periapicale tioi granuloma o cisti o parodontite periapicale acuta!

Ne esce fuori sicuramente, stia tranquilla ma deve essere in buone mani.

Tanti auguri per la visita ed il colloquio chiarificatore.

In ogni caso lei non è in !malafede", ma scherziamo?
Lei è vittima della patologia... e speriamo non del dentista

Cari saluti