Utente 172XXX
Salve,
Vi spiego sono preoccupatissima per mio nonno, abbiamo scoperto io e la mia famiglia che era malato di reni da circa 4 o 5 anni, il dottore gli ha dato una dieta completa che comprende pasta senza sale nè niente, così pure il pane, e tutto il resto che un individuo mangia a tavola, e da allora è migliorata la sua malattia, però ha sempre avuti alti e bassi sempre nei limiti però, ora mio padre mi ha informato che si è alzata un po' la creatina e ammetto che ora paura di perderlo, vorrei sapere di più sulla malattia dei reni, aggiungo che ha problemi su tutti e due i reni, vorrei sapere questa malattia è guaribile oppure la dieta e gli esami servono solo per prolungare il tempo di vita per mio nonno, mi spiego meglio sicura che prima o poi con il tempo peggiori e che la dieta che sta svolgendo serve solo per aiutarlo ma non per guarirlo e quindi cadere in dialisi e rischia di morire?

Cordiali saluti.
[#1] dopo  
Dr. Nicola Settefrati
28% attività
0% attualità
0% socialità
L'AQUILA (AQ)
Rank MI+ 28
Iscritto dal 2010
Cara Amica, vorrei esserti molto di aiuto e di conforto, tuttavia così come viene posta la domanda è difficile: Cercherò di essere schematico.
Tuo nonno è affetto da Insufficienza renale cronica.
-i valori della creatinina non sono riportati:
-sarebbe utile sapere, inoltre, il valore della clearance della creatinina, vale a dire il residuo della funzione renale.
-fai fare una ecografia a tuo nonno per valutare le dimensioni dei reni e la loro morfologia.
-ricorda che le cause che conducono ad insufficienza renale sono innumerevoli ed a ciascuna di esse corrisponde una prognosi diversa.
N.B. LE CAUSE PIU' FREQUENTI OLTRE I 65 AA SONO DIABETE, IPERTENSIONE E DISTURBI CARDIOVASCOLARI.
- Individuato il o i principali fattori di rischio essi vanno attentamente curati insieme con tutte le altre concause che possono danneggiare il rene.
-la dieta può essere un parziale aiuto nel contesto di un discorso molto piu' ampio che devi necessariamente affrontare con un Nefrologo.

Concludo inviandoti due messaggi importanti
-modeste oscilazioni della creatinina tra un controllo e l'altro nella maggioranza dei casi non devono creare allarmismo
-RICORDA CHE LA IRC E' UNA MALATTIA CHE TENDE A PROGREDIRE A PRESCINDERE DA TUTTE LE CURE CHE PERO' POSSONO TENERLA SOTTO CONTROLLO ED ANCHE EVITARE LA DIALISI. FAI SEGUIRE BENE TUO NONNO

Un saluto
[#2] dopo  
Utente 172XXX

Iscritto dal 2010
Grazie per aver risposto alla mia domanda, inoltre aggiungo che mio nonno ha di creatinina 3,1 e la clearance creatinina è 20..
[#3] dopo  
Dr. Nicola Settefrati
28% attività
0% attualità
0% socialità
L'AQUILA (AQ)
Rank MI+ 28
Iscritto dal 2010
Se questo è il valore medio della creatinina dell'ultimo periodo l'isufficienza renale è in fase avanzata: L'ipotesi di un eventuale ricorso al trattamento dialitico in futuro è fondata ma in questo momento più che mai, serve capire la o le cause che l'hanno determinata.
Ti rinnovo l'invito a rivolgerti a professionisti esperti, diffidando di chi eventualmente ti rassicura dicendoti che tutto si può curare con la dieta, con la riduzione del sale negli alimenti o bevendo molto.


Un cordiale saluto e se vuoi fammi sapere



Nicola Settefrati
[#4] dopo  
Utente 172XXX

Iscritto dal 2010
Vorrei chiederle un'altra informazione potrei sapere qual'è il valore della cratinina massimo per essere nei parametri e anche della clearance creatinina?..e un altra domanda: qual'è il valore massimo per cadere in una futura dialisi?

Cordiali Saluti.
[#5] dopo  
Dr. Nicola Settefrati
28% attività
0% attualità
0% socialità
L'AQUILA (AQ)
Rank MI+ 28
Iscritto dal 2010
La creatinina normale è compresa tra 0.7 e 1.3 mg/dl.
La clearance risente dell'età del pz, comunque deve essere maggiore di 60.
Per la seconda domanda le variabili sono molte; ti dò dei valori che devi prendere solo come ipotetico punto di riferimento:
Creatinina 5,5-6, Azotemia 235-250, Clearance della creatinina uguale o inferiore a 10: Tutto ciò può subire delle importanti fluttuazioni in relazione all'anemia, ai valori del calcio-fosforo-sodio-potassio, grado di ritenzione idrica del paziente, pressione arteriosa, possibili sanguinamenti soprattutto gastrici, condizioni generali del paziente e potrei aggiungerne altri ma forse ti confonderei le idee


cordiali saluti Nicola Settefrati
[#6] dopo  
Utente 172XXX

Iscritto dal 2010
Non essendo un esperta di certe cose non me ne intendo molto, però spero solo che il momento della dialisi non arrivi presto..comunque la ringrazio per i suoi utili consigli, le farò sapere di ulteriori progressi della malattia.

Cordiali Saluti.