Utente 116XXX
Salve, da circa 2 settimane ho notato che con la mia partner, nei rapporti completi, pochi secondi prima dell'eiaculazione sento una specie di crampo che inibisce il piacere al punto da fermarlo quasi, dopodichè smette subito di dar fastidio. Non si presenta ne prima, ne dopo, solamente in quei precisi attimi che la precedono.
Non ho bruciore durante la minzione, e nemmeno durante l'eiaculazione, solamente questa sorta di crampo, che si presenta nella zona tra i testicoli e l'ano.Ho inoltre notato che si presenta solamente se mantengo la posizione classica, ovvero io sopra a pancia sotto.. durante altro genere di rapporti, a pancia in su, non accade... Non capisco se è un problema di infiammazione..o meccanico. Ho solo paura sia qualcosa di grave.
So che devo fare l'esame "completo delle urine" e anche la "spermiocoltura" e infatti la prossima settimana le esguirò entrambe, ma prima vorrei sapere se posso stare tranquillo.

Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,e' mai stato visitato da un andrologo?La fenomenologia riferita potrebbe essere causata da una congestione/infiammazione prostatica (che produce il 40/50% del liquido seminale).Esegua anche uno sermiogramma ed un'ecografia prostatica e scrotale.Soffre di emorroidi?Cordialita'.
[#2] dopo  
Utente 116XXX

Iscritto dal 2009
Questo si, a volte qualcuna, che si risolve da sola in pochissimi giorni, attualmente però non mi sembra di averne. In che modo potrebbero essere collegate?
Ad ogni modo con le ecografie da lei suggerite, posso starmene tranquillo se non risulta niente? Voglio dire, delle piccole infiammazioni non mi disturberebbero, sono altri i problemi che vorrei escludere a priori.
Grazie
[#3] dopo  
Utente 116XXX

Iscritto dal 2009
Salve, ho appena ritirato le ecografie come da lei consigliate:

ECOGRAFIA TESTICOLARE :

didimi di regolare biometria

piccola calcificazione del didimo destro

non lesioni focali a sinistra

piccola cisti dell epididimo destro delle dimensioni massime di 3,6 mm circa

non idrocele

non significativo varicocele

millimetrica ernia inguinale sinistra

ECOGRAFIA PROSTATA :

la ghiandola appare regolare per biometria e struttura


[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Tranquillo e ora risenta il suo andrologo eventualmente dopo l'esecuzione delle valutazioni colturali.

Nel frattempo, oltre alle indicazioni ricevute dal collega Izzo, se poi desidera avere altre notizie più dettagliate su eventuali problematiche urologiche ed andrologiche a livello della ghiandola prostatica, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/200-malattie-prostata-stili-vita-prevenzione-nuove-indagini.html .

Un cordiale saluto.

[#5] dopo  
Utente 116XXX

Iscritto dal 2009
Grazie, inoltre non capisco se questa calcificazione, che mi è stato detto essere costituzionale da cosa sia dovuta.
Mi è stato detto che non significa niente, eppure in internet leggo una correlazione tra calcificazioni e patologie maligne.Posso star tranquillo al 100%? La calcificazione è una ciste, quindi liquida?
Nel mio referto prima appare "piccola calcificazione del didimo destro" e questo mi lascia perplesso e poi "piccola cisti dell epididimo destro delle dimensioni massime di 3,6 mm circa" Sono cose diverse?
C'è un modo per farle rimuovere dall'organismo?


Grazie
[#6] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...piu' che ribadire la inutilita' delle Sue preoccupazioni non possiamo fare
altro...se vuole confondersi ulteriormente,libero di farlo, ma non di comunicarcelo reiteratamente.Cordialita'.
[#7] dopo  
Utente 116XXX

Iscritto dal 2009
Salve, a seguito di un controllo dall urologo è stato confermato che si tratta di una sorta di una piccola infiammazione del corpo cavernoso, proprio nella zona tra lo scroto e l' ano.( palpabile appunto dall esterno )
Non sa nemmeno lui se è a causa di uno stiramentino ( non ho mai provato dolore durante i rapporti ) o di altro, dice che a volte succede anche una cosa così a seguito di periodi di scarsa attività sessuale, seguita da un picco di rapporti.. fatto sta che mi è stato prescritto il tachidol, 2 volte al giorno, in quanto dice che dovrebbe sfiammare questa piccola infiammazione dolorosa ( poco dolorosa ) che però persiste da 1 mese.
La cosa che mi ha messo il dubbio è che il farmacista mi ha detto che il tachidol non è assolutamente un antinfiammatorio, e se lo è, lo è in una piccolissima percentuale che non serve a nulla, ma che fondamentalmente è un antidolorifico..
Vorrei sapere qualche parere su quale medicinale prendere, e se anche voi confermate questa scelta del tachidol.
[#8] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

da questa postazione, senza avere visto nulla della sua reale situazione clinica, non ci è possibile dare alcuna indicazione terapeutica mirata e soprattutto risulterebbe non corretto criticare indicazioni terapeutiche, che hanno una loro logica, date da un collega che invece ha conosciuto in modo diretto, la sua reale situazione clinica.

Un cordiale saluto.