Utente 108XXX
Dovendo sottopormi ad un intervento di cataratta,
alla soglia dei 78 anni, perchè così mi è stato
consigliato dal medico più che per problemi
visivi avvertibili, ho raccolto qualche
informazione sulle modalità di esecuzione e
particolarmente sul tipo di incisione che il
chirurgo pratica per sostituire il cristallino.
Mi ha molto incuriosito notare che , mentre la
procedura più corrente sembra essere quella di
incidere la cornea per circa 2,5 millimetri,
qualche sanitario effettui una incisione molto
più piccola di circa un millimetro soltanto.
Quali vantaggi può offrire questa soluzione ??
Molte grazie anticipate.
[#1] dopo  
Dr. Luigi Marino
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
Prenota una visita specialistica
Mio caro amico
La tecnica a cui si riferisce si chiama MICS
O bimanuale, trova un mio minforma sull'argomento su questo sito...
Per la scelta del taglio....
Lasciamola fare al chirurgo , l'occhio non e' un orologio, ma e' un organo biologico con una sua tonicita' e dei fluidi interni...
Sara' il chirurgo oculista a scegliere il Top per Lei...
In altre parole possiamo programmare una MICS
Ma poi essere costretti ad allargare il taglio per cause indipendenti
Da parte del chirurgo ....
Per cui serenità e fiducia!!!
Mi piace comunque che si sia così ben documentato!
Buon fine settimana
[#2] dopo  
Utente 108XXX

Iscritto dal 2009
Ho letto con molto interesse la serena risposta
del Prof. Luigi Marino nonchè il suo esteso
minForma sul sito.

Lo ringrazio molto e seguirò il suo consiglio
anche perchè - visto cho lo praticano in pochi -
riuscirebbe un pò difficile andare a selezionare
o peggio a chiedere entro uno staff ospedaliero
chi pratichi quella o quell'altra soluzione.

Contraccambio gli auguri di buon fine settimana.