Utente 149XXX
Salve. Vi espongo la mia situazione per ottenere il vostro aiuto. Ho 22 anni e da quando ne avevo 10 ho quattro otturazioni in bocca,esattamente ai molari (2 per ogni arcata, distribuite una per parte), tutte in amalgama. Col passare degli anni non mi hanno mai dato problemi e secondo il mio odontoiatra ancora oggi sono perfette. Recentemente, però, ho avuto un problema ad un altro molare (quello vicino al dente del giudizio) e mi sono subito recato dal dentista. Dopo una radiografia mi ha riscontrato una carie, rimasta nascosta per molto tempo e che non mi ha mai procurato nessun dolore, se non nei 3/4 giorni precedenti la mia visita odontoiatrica. Dopo una radiografia, il dentista mi ha detto che il molare andava devitalizzato e così è stato. Nella seconda seduta ha provveduto all'otturazione e mi ha detto di tornare una terza volta (non ho capito bene per cosa). Tornato a casa, però, ho notato che l'otturazione è stata fatta in amalgama, senza che il mio dentista mi dicesse nulla a riguardo: trovandosi proprio vicino ad un'altra otturazione sempre in amalgama, l'effette estetico è davvero orribile. Già non sopporto le altre otturazione, che sono ormai nere, ma vedere tutto quel nero in bocca mi da veramente fastidio. Mi sono documentato un po' ed a quanto ho potuto capire non era possibile, nel mio caso, utilizzare il composito per l'otturazione, in quanto troppa estesa. Ora chiedo a voi: c'è un altro metodo con cui poter otturare quel dente?ho letto qualcosa inerentemente agli intarsi, è possibile levare l'otturazione e fare un intarsio???oppure c'è qualche altro metodo?vi ringrazio in anticipo per l'aiuto che mi fornirete!!!
[#1] dopo  
172424

Cancellato nel 2010
Caro Signore, bisognerebbe vederla clinicamente per decidere,

in ogni caso sappia che le amalgame inscurite col tempo, si possono e si dovrebbero lucidare e ritornerebbero come nuove, grigio chiaro lucido.

Detto questo, se lei gradisse rimuoverle per sostituirle con materiali estetici è possibile.

Un materiale estetico, poichè si usa un mordente che "trattiene" l'otturazione ancorata allo smalto con una resina detta fluida, è solido pessocchè quanto un'amalgama.

Se poi ci fossero grosse controindicazioni ad una ricostruzione estetica perchè troppo vasta, si può ricorrere ad un intarsio (onlay o Inlay a seconda dei casi) in materiale estetico o meglio ceramica.

O fare un Pernomoncone in fibra di vetro o carbonio o oro e una coprona in oro porcellana o zirconio porcellana.

Tutte queste ed altre metodiche però le studia il Dentista a seconda della situazione clinica e gnatologica.

Ne parli apertamente con luim, che lei gradirebbe materiali estetici e vedrà che lui provvederà!

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Orazio Ischia
32% attività
0% attualità
16% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2009
Gentile paziente per darle tutte le informazioni al riguardo le consiglio la visione del seguente link
http://www.accademiaitalianadiconservativa.it/casi/caso4/default.asp
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Sergio Formentelli
48% attività
20% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
E' indifferente usare amalgama o composito.
Nulla di quello che si fa con l'amalgama non lo si può fare con il composito.

Se non si può fare né con amalgama né con il composito, si fa con gli intarsi o con le corone.

Parola di dentista che non usa più amalgame da 19 anni (e non ne sente nessun bisogno).
[#4] dopo  
Utente 149XXX

Iscritto dal 2010
Grazie anzitutto ai 3 professionisti che mi hanno voluto rispondere. Vorrei ben capire una cosa, dato che l'appuntamento col mio dentista è per mercoledì. Ora che ormai l'otturazione in amalgama è stata fatta, per poter procedere ad altro trattamento, deve essere rimossa?oppure è sufficiente sovrapporci qualcos'altro?

Inoltre, per le altre otturazioni, dato che per ora non intendo sostituirle, per poterle schiarire devo optare per una lucidatura?ho capito bene?

Per il dr.Formentelli: ho letto alcuni documenti online, scritti da suoi colleghi, i quali specificano che qualora l'otturazione sia troppo estesa, non è possibile procedere con il composito. Ora: è vero?non è vero?so che ci sono diverse opinioni in merito, ma qualora il problema del composito non esistesse, penso che tutti sarebbero concordi sull'uso, in qualsiasi situazione, di questo materiale.

Attendo risposta e Vi ringrazio per l'aiuto.
[#5] dopo  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca
40% attività
16% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Agisco con copia incolla:
1)Ora che ormai l'otturazione in amalgama è stata fatta, per poter procedere ad altro trattamento, deve essere rimossa?oppure è sufficiente sovrapporci qualcos'altro?
R.: si deve essere rimossa (con le opportune cautele del caso).
2)per le altre otturazioni, dato che per ora non intendo sostituirle, per poterle schiarire devo optare per una lucidatura?ho capito bene?
R.: si deve soltanto rilucidarle ed assumeranno nuovamente un bell'aspetto argenteo.
3)qualora l'otturazione sia troppo estesa, non è possibile procedere con il composito.
R.: la ricostruzione diretta viene fatta quando la quantità residua di dente è maggiore o uguale ai due terzi del dente intero. Diversamente si attua sempre una tecnica ricostruttiva che può essere indiretta con composito (intarsi) o con ceramica (corona) previa ricostruzione dentale.
Cordialmente
[#6] dopo  
Dr. Sergio Formentelli
48% attività
20% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
"Per il dr.Formentelli: ho letto alcuni documenti online, scritti da suoi colleghi, i quali specificano che qualora l'otturazione sia troppo estesa, non è possibile procedere con il composito. Ora: è vero? non è vero?"

E' vero.
Il dr. Muraca è stato molto chiaro ed esauriente su questo.
Si può discutere su 2/3 del dente, metà del dnte...
Io preferisco dire: se E' TROPPO ESTESA non si può fare un restauro diretto.

Né in composito, né in amalgama.

Non si possono fare più grandi in amalgama...
Semmai, se proprio vorremmo spaccare il pelo in quattro, si possono fare più grandi in composito grazie alle sue caratteristiche adesive.
[#7] dopo  
Dr. Cataldo Palomba
44% attività
8% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,
la prima cosa che si evince dal suo racconto e che ritengo la più importante è la mancata comunicazione ed informazione da parte del medico sul materiale da usare, sulle proprietà estetiche, sulle motivazioni che lasciavano preferire l'uno all'altro, ecc.: alla fine la scelta spetta sempre e comunque al paziente.

Ci sono diverse tecniche che permettono di usare il composito spesso in abbianmento con cementi vetroionomerici per le grandi ricostruzioni, a patto che vi sia una certa quantità di corona dentale residua: paradossalmente l'uso dell'amalgama talvolta prevede l'eliminazione proprio di tessuto sano per favorirne la ritenzione.
Pertanto non è detto che l'amalgama sia indispensabile per le grosse ricostruzioni, quando non è possibile realizzarle in composito e materiali affini non è possibile farlo neanche in amalgama.

Non solo, con adeguate tecniche è possibile in caso di fratture di cuspidi dentali naturali di denti con otturazioni in amalgama ricostruire la parte con compositi tramite procedimenti adesivi che favoriscono l'unione dei due materiali: questo evita la rimozione di grosse quantità di amalgama per il rifacimento dell'otturazione o l'uso ulteriore di questo materiale.
Cordiali Saluti
[#8] dopo  
Utente 149XXX

Iscritto dal 2010
Ringrazio ancora tutti i professionisti che mi hanno voluto rispondere. Il dott.Palomba, spingendosi oltre la semplice risposta e fornendomi un'opinione sotto il punto di vista del servizio offertomi, ha centrato pienamente il problema: l'odontoiatra, a mio parere, avrebbe dovuto consultarmi, prima dell'otturazione, circa il materiale da utilizzare e la soluzione da adottare. Dal basso dei miei 22 anni riconosco la professionalità dell'odontoiatra e, sebbene abbia letto qualcosa a riguardo su diverse pagine internet, mai mi permetterei di sostituirmi al medico; tuttavia sono rimasto molto deluso dalla grave lacuna del servizio: un professionista può essere anche il più bravo nel suo campo nel "curare" il problema,ma deve avere altrettanto tatto nel momento in cui adopera un materiale che, si, avrà uno scopo medico, ma avrà del resto anche un impatto estetico. Il medico deve fare il medico e nessuno deve sostituirsi allo stesso, ma il paziente ha il diritto di essere tale, in quanto paga un servizio che, a 360°, deve essere soddisfacente.

Dopo aver espresso la mia opinione in merito, vi sarei grato se rispondeste ad un'ultima domanda: è possibile sovrapporre qualcosa, di stabile e duraturo, alla stessa otturazione in amalgama, ma che dia un risultato estetico soddisfacente???oppure non si può fare?oppure si potrebbe fare, ma senza garanzie durature di risultato?

Vi ringrazio davvero tanto!
[#9] dopo  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca
40% attività
16% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Volendo potrebbe fare un "mascheramento" dell'amalgama con del composito, eliminando almeno 2 mm di amalgama; ma a che pro? Tanto vale eliminare tutta l'amalgama!

Cordialmente
[#10] dopo  
Utente 149XXX

Iscritto dal 2010
Ah, capisco, pensavo fosse possibile, chessò, sovrapporre una corona o qualcosa del genere, dato che comunque si tratta di un dente devitalizzato. La ringrazio per la risposta.
[#11] dopo  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca
40% attività
16% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Certo che può eseguire una corona in ceramica! Io mi riferivo al fatto del mascheramento dell'amalgama. Anzi se il dente è devitalizzato, una buona corona lo protegge ancora meglio.
Cordialmente
[#12] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
..certo, è possibile anche coprire i denti ricostruiti in amalgama con delle corone protesiche, naturalmente dopo averli opportunamente "preparati" x ricevere tali coperture e sempre a patto che si sia certi di "sigillare" sotto le corone protesiche dei restauri in amalgama non infiltrati, cioè sotto i quali non si stiano sviluppando delle lesioni cariose recidive.

La saluto cordialmente