Utente 579XXX
Salve.
Quest'estate ho notato una macchia biancastra sull'unghia dell'alluce e, dopo un mesetto, pareva ingrossata.
Ho subito pensato che si trattasse di un fungo e, dopo un consulto con il farmacista e il medico di base, ho iniziato a usare il Trosyd in smalto.
Quando iniziai il trattamento l'unghia faceva male se premuta.
Adesso la parte bianca è quasi stata del tutto eliminata, ma ogni sera, quando mi tolgo le scarpe, noto che la calza resta bagnata in prossimità della macchia, e guardandola noto che c'è una secrezione.
Pensando che fosse un eccesso di Trosyd l'ho sospeso... Ma la secrezione trasparente è sempre lì.
Sollevano leggermente la porzione di unghia (la parte biiancastra è staccata) ho visto che la pelle sottostante è come macerata...
Continuo con il Trosyd? Mi è venuta paura che possa essere qualcosa di più serio, anche se la macchia bianca, rispetto alle dimensioni raggiunte a luglio (prima del trattamento con antifungino) non si è più sviluppata (e tagliando a mano a mano l'unghia sta scomparendo).
Grazie.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Direi che anzichè effettuare terapie malamente prescritte da persone tecniccamente impreparate o inadatte (farmacista) potrebbe e dovrebbe l'unica persona che ha la cultura per curarla: il dermatologo.

Saluti

Mocci
[#2] dopo  
Utente 579XXX

Iscritto dal 2008
Lei ha perfettamente ragione, ma non tutti possono permettersi i costi di una visita a pagamento, e prendendo un appuntamento con la mutua si parla di aspettare mesi, prima di potermi far vedere da un dermatologo.
Chiedevo solo un parere, tutto qui, consapevole che sia estremamente difficile dare un consulto via internet... Però se ogni richiesta di consulto deve risolversi con un "vai dal dermatologo>", vorrei sapere che razza di utilità possa avere questo sito.
[#3] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Non certo a sostituire una visita ambulatoriale, ma a fare del'educazione sanitaria, per esempio.
Forse c'è, di tanto in tanto una scarsa informazione sugli scopi del sito, nei confronti del quale lei è estremamente libero, come noi che volontariamente portiamo il nostro contributo di professionalità

Saluti

Mocci