Utente 176XXX
Sono un 34 enne affetto da impotenza da 4 anni circa,faccio uso di levitra 10 mg ma mi funziona anche 5 mg,l'impotenza e' totale nel senso che senza questi farmaci l'erezione e' impossibile o avviene insufficientemente per una penetrazione,prima dei 30 anni le erezioni le avevo direi regolarmente poi verso i 27 28 anni e' cominciato il calo che inizialmente capitava casualmente poi sempre di piu' fino al blocco.ho fatto diverse visite e l'unica cosa che mi e' stata detta e' che devo assumere questi farmaci ma non hanno indagato,di problemi psicologici non ne ho avuti e tantomeno personali,avverto che il pene non risponde alle stimolazioni come dovrebbe,pare estranearsi dalla situazione,ho fatto anche i dosaggi ormonali con testosterone libero a 13pg/ml e gli altri valori normali;inizialmente mi fu data una cura a base di androgel che pero' ho dovuto abbandonare a causa di aumento di peso e dolori alla prostata anche se devo dire che una certa efficacia l'aveva,vorrei chiedere se l'acqua dura ricca di calcio che bevo quotidianamente che viene dal pozzo di casa puo' essere la causa di questo problema

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
quello che la menta lei è quello che serve: diagnosi di natura del problema. Circolatoprio, prostaico, (ormonale direi no visti i livelli) psicogeno (tocca a noi diagnosi, scusi). Fatto questo si instaura terapia per malattia di base poi si vede. Ma di qau non posso dire di pèiù
[#2] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
mi associo al Dr.Cavallini nella risposta.
Valutata la sua giovane età, l'assenza di una diagnosi certa, la dipendenza farmacologica dalla terapia per il deficit erettivo e, le ovvie ripercussioni su autostima, qualità di vita e sessaulità, le suggerirei di approfondire in maniera adeguata questa sua condizione.
Prima tappa, un bravo andrologo, che possa fare diagnosi certa, con il duplice scopo di orientarsi e di tranquillizzarsi.
Seconda tappa, qualche colloquio di counseling psicosessuologico per comprendere i meccanismi inerenti la sua sessualità e contenere l'ansia;
anche se il deficit erettivo avesse etiopatogenesi organica, oggi in clinica si parla di "etiologia mista", proprio per l'elevato impatto emozionale che la sessualità ha sulla vita in generale.
Per ultimo, non parli di impotenza, ma di deficit erettivo, lei "ha" una disfunzione sessuale, non "è" una disfunzione sessuale.
Auguri affettuosi
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

oltre alle indicazioni ricevute dai colleghi che mi hanno preceduto, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html .

Un cordiale saluto.
[#4] dopo  


dal 2012
Capisco ma di visite andrologiche ne ho fatte con 3 medici diversi che mi hanno detto che la causa e' mista,volevo solo chiedere se fosse un rallentamento del flusso ematico arterioso del pene se la causa viene da una iperlipidemia che ho da diversi anni o da eccesso di calcio nell'alimentazione
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Per una diagnosi del genere serve vista, esame obbiettivo, esami metabolici, profilo lipidico, ecodoppler basale e dinamico del pene. Se questo le hanno detto questo è, è l' iperlidemia la responsabile.