Utente 888XXX
Gentili Dottori,
volevo delle informazioni sull'hpv.
Innanzitutto sulla trasmissione... so che la via elettiva è quella sessuale, ma si può contrarre anche tramite via aerea o con oggetti infetti (maniglie, scarico del wc ecc..).

So che esistono diversi ceppi hpv, oncogeni e non oncogeni... A me è stata riscontrata una lesione hpv interna ed esterna (condilomi) che ho curato tramite laser. Vorrei sapere se i condilomi esterni sono dati dallo stesso ceppo che mi ha dato le lesioni interne oppure si tratta di ceppi differenti!
Leggendo su internet mi pare di aver capito che ci sono ceppi che colpiscono solo l'interno e dei ceppi che invece danno i condilomi acuminati... quindi a rigor di logica io dovrei avere almeno 2 ceppi?

Grazie!!!!!

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
salve,
vedo che leidee sono poche però confuse.
Proverò, molto in breve, a chiarirle alcuni concetti molto importanti
I condilomi acuminati sono provocati da virus del tipo HPV (Human Papilloma Virus), una grande famiglia di virus (ben oltre 100) di cui un 50 -60 appartenenti (sierotipi in termine tecnico) sono i più frequenti in patologia umana.
Questa famiglia di virus esplica il suo effetto patogeno dando vari tipi di malattie, di cui, per sinteticità, diciamo le due più importanti: verruche e condilomi.
In realtà, il termine condilomi esprime solo l'aspetto esteriore della manifestazione clinica, per cui, essendo che le lesioni in sede genitale possono assumere diversi aspetti, è più preciso parlare di HPV genitale.
HPV Sono dei virus che hanno, come materiale genetico , il DNA , come noi, la qual cosa permette che, una volta entrati nella cellula ospite, possano arrivare al nucleo ed inserire il loro DNA in mezzo a quello della cellula, di fatto infetandola.
Le cellule bersaglio di questi virus sono quelle dell'epidermide (strato più superficiale della cute) e della parte epidermica delle mucose (anche qui strato più superficiale) . Sono cellule pressochè identiche fra loro.
Col tempo, facendo studi sul DNA di questi virus, si è visto che alcuni di loro sono più frequentemente associati ai tumori del collo dell'utero. Sono molto importanti, perchè si pensa che oltre il 90% dei tumori maligni del collo dell'utero sia provocato da infezione HPV. Man mano che aumentano gli studi, si vede che sono sempre di più i sierotipi che possono essere associati a lesioni tumorali maligne,. Quwesti sierotipi con una associazione forte vengono definiti "ad alto rischio" e sono almeno 6 -7.
Ciò non significa che anche tutti gli altri della famiglia non lo siano, o perchè semplicemente non li abbiamo ancora correlati o perchè diventano cancerogeni in particolari condizioni, come, per esempio in quelle in cui il sistema immunitario non funziona, come una infezione da HIV non controllata. Ci sono infatti, in tali pazienti, numerosi casi di tumori da HPV dati da sierotipi che si diceva non potessero dare tumore.
Passiamo ora al contagio. Essendo, ovviamente, una malattia infettiva, al patologia da HPV si trasmette, coeme la stragtrande maggioranza diella malattie ionfettive cutanne, per contatto tra un infetto ed un sano.
Se lke lesioni dsono genitali, va da sè che la via più frequente è quella sessuale.
Ma ciò non significa che , in zona genitale, non ci si possa contagiare, per esempio, con una verruca delle mani per contatto. Il contatto sia nel caso delle verruche che delle forme genitali, può esser anche tramite oggetti o luoghi (esempio classico le verruche prese in piscina). Ma la via aerea proprio non esiste in queste malattie.
Con questo chiudo la mia risposta sperando di averle chiarito, almeno in parte qualche dubbio su una vicenda così comlicata come le infezioni da HPV.

Saluti

Mocci