Utente 419XXX
salve,sono paola e ho 60 anni,da qualche mese sono affetta da edema del cuoio capelluto di 6mm circa con avvallamenti dello stesso(risultato da un'ecografia).La caduta dei capelli è accentuata e avverto un leggero fastidio della testa stessa.Uso da anni uno shampoo colorante.Ho eseguito anche una risonanza del craneo che risulta negativa.Chi potrebbe essere lo specialista, oltre il dermatologo ,a cui potermi rivolgere.Grazie
[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile Signora,

seppure in via telematica e non vincolante il sup problema mi sembrerebbe relativo ad una "stressite"..

difatti la RMN del cranio non può essere test più accurato (e forse nel suo caso anche eccessivo) per avere il panorama chiaro..

Il problema dei suoi capelli, potrebbe essere relativo ad un TELOGEN EFFLUVIUM (il quale è sempre accompagnato dalla famigerata "stressite") accompagnato o meno da una ALOPECIA ANDROGENETICA FEMMINILE.

Sappia che per questo problema ad oggi, esistono tecniche digitali non invasive ed immediate come

- la HDD (diversità del diametro dei capelli)
- la LHD (densità locale dell'area de cuoi capelluto)

che con specificità e sensibilità sono in grado di compendiare la visita Demrato-tricologica per valutare il grado della patologia e di seguire i risultati della terapia.

pertanto, massima tranquillità e programmi una visita specialistica in questo senso.

cari saluti.
Dott. Luigi LAINO
Dermatologo e Venereologo, ROMA

[#2] dopo  
Dr.ssa Serena Mazzieri
28% attività
0% attualità
12% socialità
SARTEANO (SI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Cara Signora,
lo specialista a cui deve rivolgersi è il dermatologo, lo cerchi uno esperto in tricologia e si sottoponga agli accertamenti che il collega riterrà opportuni.
Potrebbe trattarsi sia di una patologia intrinseca al capello stesso, sia di diversa natura ed il capello in questo caso potrebbe essere solo uno "spettatore innocente".
Non concordo con il termine "stressite" usato bonariamente e con ilarità dal collega in quanto ritengo che alla base di un quadro clinico ci sia sempre un motivo fisiopatologico preciso, troppo spesso , infatti, si incolpa lo stress ancor prima di aver fatto i dovuti accertamenti.

Cordiali saluti

Dott.ssa Serena Mazzieri