Utente 164XXX
Salve gentili dottori, volevo porre un quesito. Frequento le palestre da molti anni per cercare di aumentare la mia massa muscalare solamente per un fattore estetico ma con risultati non formidabili. Sono sempre rimasto alla larga da sostanze pericolose quali anabolizzanti e simili perche' ritengo stupido rischiare di avere dei guai di salute solamente per appagare un canone estetico, ma da un paio di giorni ho preso delle informazioni circa dei prodotti omeopatici quali ad esempio il testosterone omeopatico e volevo sapere se tali prodotti vista anche la commercializzazione libera da controlli (non serve una ricetta medica ad esempio) sono esenti dal procurare danni fisici sia a breve che lungo termine come invece fanno i farmaci anabilizzanti veri e propri. Grazie.
[#1] dopo  
Dr. Walter Ardigò
20% attività
0% attualità
12% socialità
CORTE FRANCA (BS)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
forse è il caso di esprimere più chiaramente quale rimedio si intende per "testosterone omeopatico", perchè questa definizione mi sembra troppo generica.
In omeopatia si parla di diluizioni, ognuna delle quali ha significato ed azione diversa.

Cordialmente
dr Walter Ardigò
[#2] dopo  
Dr. Sandro Morelli
28% attività
8% attualità
16% socialità
VELLETRI (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2007
Come afferma il collega, l'omopatia è una cura diversa da quella tradizionale, per cui non esiste il testosterone omeopatco, ma una cura per quello specifico soggetto in grado di rafforzare le sue capacità muscolari. Io ho in cura diversi atleti con ottimi risultati, ma la cura è strettamente personalizzata. Questo è il segreto dell'omeopatia.
[#3] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone
44% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

il fatto che le preparazioni in minime dosi si possano acquistare senza prescrizione medica non significa che siano innocue, prive di effetti collaterali spiacevoli e non deve invitare i pazienti/utenti a trattamenti fai da te.
Come correttamente espresso dai colleghi le prescrizioni omeopatiche, omotossicologiche e di qualunque principio attivo in piccole dosi (vedi testosterone) devono sempre seguire un'attenta visita del paziente che evidenzi le reali necessità terapeutiche del caso, pena il fallimento della cura.
Le segnalo inoltre che potrebbe per lei rivelarsi risolutiva la variazione controllata del regime alimentare senza coinvolgere chimicamente il suo equilibrio ormonale.

Cordialmente.
[#4] dopo  
Dr.ssa Margherita Andreina Magazzini
24% attività
4% attualità
12% socialità
LIVORNO (LI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile utente,
il testosterone omeopatizzato potrebbe entrare a far parte della medicina fisiologica di regolazione: infatti quasi tutti gli ormoni si ritrovano in diluizioni diverse in tale ambito, sviluppato da un gruppo di medici. Al momento però io so che non esiste, esiste invece un rimedio, sempre della medicina fisiologica di regolazione che comprende l'organoterapico testis suis ovvero quel rimedio che stimola la funzione dell'organo producente il testosterone.
Ritengo però che sia più opportuna una terapia più mirata dopo attenta valutazione dell'alimentazione, della respirazione, delle carenze e squilibri di minerali, dei metalli tossici che per esempio potrebbe essere esaminata con il mineralogramma del capello.
Resto a disposizione per ulteriori informazioni
[#5] dopo  
Dr. Angelo Salvatore Ferrari
24% attività
0% attualità
12% socialità
COSENZA (CS)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
Gentile utente ad ulteriore conferma di quanto suggerito dai colleghi Le ricordo che in omeopatia i medicinali non curano una malattia ma l'individuo malato che manifesta un insieme di segni e sintomi,che sono l'espressione della propria reattività globale ed individuale. Pertanto non è consigliabile una "autoterapia" improntata solo sulla "denominazione" dei rimedi