Utente 177XXX
Buonasera,
il 24 maggio c.a. sono stata operata d'urgenza presso uno degli ospedali della mia città poichè mi è stata riscontrata una peritonite. L'intervento sembrava essere andato per il meglio ma, circa 8 gg dopo, ho avuto febbre altissima a causa di una brutta infezione alla ferita. Dopo circa 1 mese di medicazioni anche questo problema è stato risolto. Ad un mese dall'intervento sono stata convocata dal chirurgo che mi ha operata perchè, effettuando l'esame istologico del'appendice, è stato trovato un carcinoma di 1,8 cm in prossimità del marcine di resezione. In seguito a questa diagnosi mi è stato consigliato di sottopormi ad un'emicolectomia destra. Prima dell'intervento, avvenuto in data 22 luglio c.a., ho effettuato tac con mezzo di contrasto ed esami di sangue (con markers tumorali) tutti risultati negativi. Dopo l'intervento l'esame istologico è risultato fortunatamente negativo. Purtroppo però ho nuovamente avuto l'infezione alla ferita chirurgia poichè il medico, per evitare di regalarmi un'altra cicatrice, ha "usato" la ferita del precedente intervento che forse non era del tutto guarita. Adesso a circa 3 mesi di distanza dall'intervento presento i seguenti sintomi: diarrea circa 2 volte a settimana e stanchezza cronica. Mi conviene fare degli esami di controllo? Se sì quali?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Prim di fare qualsiasi esame di sua inizitiva ne approfitterei con un controllo di fare il punto della situazione con il chirurgo che l'ha operata.

Questa stessa richiesta che ha fatto a noi la rivolga a lui.
[#2] dopo  
Utente 177XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio infinitamente per la risposta, le saprò dire.