Utente 123XXX
Spett. Medicitalia,
Ho 43 anni e circa due anni fa ho avuto un'arrossamento della punta del glande con raggrinzimento del glande stesso. Il medico di famiglia mi ha dato da mettere la gentalin più impacchi di acqua borica e dopo pochi giorni il raggrinzimento è scomparso ma il glande è rimasto arrossato nella punta come lo è tuttora.
Ho fatto un tampone uretrale ed è saltata fuori la presenza di escherichia coli, anche se non presente nelle urine pero', allora ho preso il neo furaditin messo lamisil pomata poi anche travocort, insomma di tutto ma il problema è rimasto.
Sono andato da un urologo che con un po' di sufficienza mi ha detto di bere solo molta acqua mentre io da circa 8 mesi comincio ad avere una mancanza di sensibilità del glande e quando eiaculo non sento più l'orgasmo ma solo un piccolissimo insignificante piacere.
Premetto che non ho dolori o prurito nel glande ma mi sono accorto che la minzione è più lenta del normale così come l'eiaculazione.
Potete aiutarmi per favore ??
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
il rischio (ma è solo una ipotesi) è che ad un iniziale problema fisico, forse anche non più presente, sia subentrata una componente psicologica.
Suggerirei in prima battuta una valutazione andrologica.