Utente 287XXX
Salve mi chiamo Andrea, ho 31 anni sono alto 1,76 e peso 68 kg.

Vi scrivo per chiedervi un consulto sul mio caso, che vi racconto dall’inizio:
Nell’aprile di quest’anno (2004), ho avuto uno specie di svenimento, mi si è annebbiata la vista e ho dovuto sedermi, è durato pochi secondi ma appena mi sono ripreso ho cominciato ad avere palpitazioni, tachicardia e una fitta al petto, le pulsazioni erano altissime ( 195 al minuto costanti per almeno una ventina di minuti!!!) sudori freddi, tremiti e dolore al petto, ho chiamato il 118 e sono venuti immediatamente.
Mi hanno fatto l'elettrocardiogramma da cui risultava:
-) Ritmo sinusale con aritmia sinusale
-) Blocco di branca sinistra.

Dietro consiglio di un cardiologo ho fatto un ECG HOLTER, a maggio 2004, il quale ha dato questi risultati:

-) Ritmo sinusale con normale escursione della frequenza n rapporto al ciclo nictemerale ed all’attività svolta: minima 45, media 78, massima 127 bpm
-) Assenti Extrasistoli Ventricolari
-) Sporadiche Extrasistoli Sopraventricolari, con 2 brevi “run” di TPSV, max 28 battiti, normale TRNS
-) Presenza di PR corto per tutta la registrazione: Pre-eccitazione Ventricolare
-) Ripolarizzazione alterata di base

Devo anche dire che dopo quell’episodio di svenimento ho cominciato raramente ha sentire dei piccoli vuoti nel battito cardiaco, come se alcune volte perdesse qualche colpo, prevalentemente nel pomeriggio subito dopo pranzo; devo premettere che da inizio 2003 soffro di una leggera forma di colite spesso accompagnata da gonfiore all’addome, su cui sto ancora indagando, ho fatto anche l’esame dell’helicobacter che è risultato negativo (gennaio 2003).

Dopo questi risultati il cardiologo per escludere una miopatia in corso, anche in conseguenza del fatto che nel 2001 ho avuto una brutta mononucleosi che mi ha prostrato parecchio, mi prescrive di fare un ecocardiogramma.

I risultati dell’Ecocardiogramma, fatto a luglio 2004, sono questi:

-) Ventricolo sinistro ai limiti superiori della norma, pareti i normale spessore, movimento sistolico paradosso del setto, funzione sistolica ai limiti inferiori della norma (EF al 2d 53%).
-) Atrio sinistro nella norma
-) Nella norma le volumetrie destre.
-) Normale ecorifrangenza dei foglietti pericardici
-) Assenti alterazioni morfologiche significative delle valvole osservate

Al DOPPLE PW, CW e CFM:
-) Normali parametri di flusso a livello di tutte le valvole.
-) Morfologia della curva Doppler di riempimento diastolico del ventricolo sinistro non alterata

Per completare il mio quadro:
-) Esami Ematochimici: Hb 15 g/dl, Plt 135000 , Colesterolo 184 mg/dl, HDL 44 m/dl, Trigliceridi 102 mg/dl
-) Pressione 140/80

Il cardiologo dopo questi risultati mi ha detto che il cuore è sano però nei limiti della norma, e visto il BBS, a scopo preventivo mi ha sconsigliato sport con sforzi continui, come il calcetto, ma di continuare con nuoto e bicicletta, e mi ha prescritto un ACE-inibitore, il ENAPREM 5 mg, mezza capsula due volte al giorno.
Vorrei sapere la vostra opinione sul mio caso, e vorrei chiedere se è il caso di indagare su possibili intolleranze alimentari che mi hanno suggerito come possibile causa dei miei problemi all’intestino e che a volte possono essere causa di affaticamento del cuore.

Grazie per l’attenzione

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Aniello Ascione
24% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2006
Caro Sig.Andrea,
il blocco di branca sinistra (BBSx) è un disturbo della conduzione cardiaca poco frequente nei giovani,sempre da valutare con attenzione.Le faccio una domanda:prima del 2001 ,anno in cui si ammalò di mononucleosi,ha mai effettuato un ECG??.Sarebbe utile per valutare se il BBSx fosse già presente.
Mi pare di aver capito che a Lei è stato riscontrato un "intervallo P-R corto" durante l'ECG HOlter. Data la Sua giovane età Le consiglierei di sottoporsi ad uno studio elettrofisiologico endocavitario con registrazione del fascio di His,anche per valutare foci aritmici responsabili delle crisi di tachicardia da Lei avvertite. Per lo sport, attenderei i risultati della diagnostica.
Le intolleranze alimentari causano disturbi addominali ma non a carico dell'apparato cardiocircolatorio.Faccia pure i dovuti tests.
Cordiali saluti