Utente 100XXX
Buonasera,
sono una ragazza di 28 anni. Da circa due anni accuso frequenti e forti extrasistole. Consigliata dal mio medico curante ho eseguito un ecg dal quale si evidenziano alterazioni aspecifiche della RV. Holter: rari battiti prematuri sopraventricolari. Tachicardia 156 bpm, frequenza minima 56 bpm, frequenza media 86. Ecg da forzo negativo. Ho fatto anche le analisi per la tiroide e dai risultati sono in trattamento da circa 1 anno e mezzo con eutirox 50 mg. Ho notato che tali episodi, oltre ad essere improvvisi e non correlati ad episodi stressanti o di ansia, avvengono quasi sempre quando mi piego in avanti o mi corico sul fianco destro. Inoltre mia sorella ha subito un intervento di ablazione 3 anni fa per tachicardia.
Cosa mi consiglia di fare per attenuare tale fastidio?
La ringrazio anticipatamente.
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Gentile Signora,
i risultati degli esami che ha riportato sono assolutamente rassicuranti e fanno pensare ad episodi sporadici di extrasistoli isolate, certamente fastidiose ma innocue.
Per maggior scrupolo potrà ripetere un ECG Holter in occasione di periodi in cui la Sua aritmia si fa particolarmente sentire, magari cercando di provocarne l'insorgenza ripetendo più volte nel corso della registrazione i movimenti di cui parlava.
Cordiali saluti