Utente 799XXX
Sono una ragazza di 30anni ed ormai da un anno accuso gonfiore alle gambe in particolare al polpaccio ed alle ginocchia. Dalle analisi del sangue l'unico valore anomalo sono il basso livello di proteine che ho colmato con una dieta proteica. Ho notato dei notevoli miglioramenti togliendo dalla dieta i carboidrati. Ma appena ho riniziato a reintrodurli soprattutto dopo che ho mangiato dei taralli o del purè è ricomparso il gonfiore. Ho fatto gli esami per il diabete, per il funzionamento dei reni ed anche per la celiachia, tutti negativi. Unica problema è che da sempre soffro di amenorrea o comunque ciclo altamente irregolare che psi manifesta anche solo 1volta all'anno. Possibile che improvvisamente abbia sviluppato una qualche forma di allergia ai carboidrati?grazie


[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Le condizioni che possono sostenere un edema degli arti inferiori (che nel suo caso ha poi una distribuzione particolare: polpacci - ginocchia) possono essere davvero molteplici e la loro disamina sfugge alle possibilità di un consulto a distanza.
Mi sembra fra l'altro che vi siano dei disturbi nutrizionali non compiutamente indagati e inquadrati.
Sinceramente Le consiglierei di affrontare la problematica inizialmente sotto il profilo internistico- endocrinologico-metabolico, anche se un ecocolordoppler potrebbe essere comunque indicato.
[#2] dopo  
Utente 799XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio. Ho fatto l'ecocolordoppler ed è risultato tutto nella norma. L'unica cosa che non ho ben capito nella visita con l'angiologo è che lui mi ha assicurato il perfetto funzionamento della circolazione venosa, mentre mi ha detto che non può dirmi se il problema riguarda la circolazione linfatica. Come faccio quindi a sapere se è quest'ultima il problema?
Comunque nel frattempo il mio medico mi ha prescritto l'esame IGG. In attesa di fare il test, Le invio i miei saluti.
[#3] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
L'ipotesi di una genesi linfatica, vista anche la distribuzione dell'edema, è plausibile e da tenere in considerazione.
La diagnosi è generalmente anamnestica (familiarità, patologie "invasive" sui linfatici, sepsi, ecc.) e clinica (visita) e rienterebbe nelle competenze dello Specialista in Angiologia o in Chirurgia Vascolare. Anche l'ecografia può essere d'aiuto.
In casi particolari può essere indicato il ricorso ad esami più invasivi (linoscintigrafia, linfografia).
Le consiglierei in ogni caso, e sempre con i limiti di una valutazione a distanza, di non perdere di vista l'esplorazione dell'ipotesi internistico-endocrinologico-metabolica.