Utente 177XXX
Salve, da un po' di giorni il canino superiore sinistro mi faceva male al tatto quando toccavo però la radice (in una zona vicina alla narice sinistra)
sono andato dal mio dentista e mi ha diagnosticato che il dente era in necrosi facendo sia la prova del freddo che una radiografia.
ha deciso quindi di devitalizzarlo. ha prima fatto un foro per far "drenare" credo la polpa morta. sono tornato dopo 4 giorni e con dei "raschietti" mi ha ripulito i canali dai nervi (credo) Tuttavia quando spingeva il raschietto più in fondo provavo dolore (non mi ha fatto l'anestesia). Alla fine mi ha inserito nel foro una cosa che lui ha chiamato "pasta medicamentosa" contenente iodio e mi ha detto di ritornare dopo una settimana
Quello che voglio chiedervi è:
questa "pasta medicamentosa" è la pasta devitalizzante o il mio dentista l'ha usata solo per combattere l'eventuale infezione alla base del dente che mi provoca il dolore?
[#1] dopo  
Dr. Orazio Ischia
32% attività
0% attualità
16% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2009
La procedura non è certo la più accreditata nel mondo scientifico,però è in uso,si tratta non di devitalizzante chimico ma di una pasta disinfettante.La metodica può funzionare,ma un'endodonzia eseguita sotto diga ,è la migliore garanzia.Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Cataldo Palomba
44% attività
8% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,
non si tratta di pasta devitalizzante ma di una medicazione intermedia, che in taluni pazienti può risultare anche irritante: ciò che ha dimostrata efficacia sono i lavaggi con ipoclorito associati ad un'adeguata strumentazione.
Cordiali Saluti
[#3] dopo  
Utente 177XXX

Iscritto dal 2010
devo dire che la pasta disinfettante è stata messa alla fine, prima credo che abbia usato anche altro. durante le fasi ho sentito nominare anche l'acqua ossigenata.
alla fine della seduta in questione il dentista mi ha anche detto che è probabile che la parte si gonfi, in tal caso dovevo assumere un antiinfiammatorio (cosa che è successa stamattina anche se il gonfiore non è evidente).
A questo punto vi chiedo:

1)è probabile che questa metodica sia preliminare all'endodonzia eseguita sotto diga o in base a quanto ho detto la devitalizzazione è già avvenuta e nella prossima seduta il dentista chiuderà semplicemente il buco?

2)siccome ricordo che lo stesso dentista nel caso della devitalizzazione di un altro mio dente ha usato la metodica sotto diga, c'è un motivo valido per cui in questo caso ha seguito quest'altra procedura?
[#4] dopo  
Dr. Cataldo Palomba
44% attività
8% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,
l'uso della diga serve ad isolare il campo di lavoro proteggendo la restante mucosa orale dal contatto con i medicamenti usati, ipoclorito, acqua ossigenata, pasta cloroformica, e l'ingestione di strumenti, ecc. e di isolare il canale radicolare dalla saliva per evitare contaminazioni batteriche: quindi non si tratta di una metodica specifica.

Come dicevo questa pasta risulta talvolta irritante ed infatti ha dimostrato i suoi effetti collaterali.

Come procederà nelle prossime sedute il suo dentista, non è possibile sapere, poichè l'obbiettivo di una terapia endodontica è quello di liberare il canale radicolare da tutti i residui di polpa necrotica e conferire tramite la strumentazione una forma adeguata per accogliere il materiale di otturazione canalare: se sono stati già raggiunti questi obiettivi, questo lo sa solo il suo dentista.
Cordiali Saluti
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Auletta
28% attività
8% attualità
16% socialità
GIUGLIANO IN CAMPANIA (NA)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2009
Gentile utente è necessario dire che la diga non è l'elemento che fa la differenza in una buona devitalizzazione.
Gli elementi che determinano il buon risultato sono la buona esecuzione di TUTTO il protocollo.

Da quanto ci dice il suo dentista in passato ha già curato la sua bocca,come mai ora si sta soffermando su particolari come ad esempio il nominare l'acqua ossigenata?
Come mai questa poca fiducia sul suo operato?
[#6] dopo  
Utente 177XXX

Iscritto dal 2010
ho nominato l'acqua ossigenata per fornire un elemento in più a voi per cercare di capire il protocollo che stava seguendo. era anche un modo per chiarire che non aveva usato solo la pasta medicamentosa durante la seduta.
l'unico dubbio sul suo operato lo avrei avuto se la pasta medicamentosa fosse stata la pasta devitalizzante avendo letto che è caduta in disuso.
le mie domande erano volte a capire anche se l'uso di questa pasta fosse stato necessario per risolvere qualche complicazione dovuta all'infezione della radice del dente visto che mi faceva male.
[#7] dopo  
Dr. Cataldo Palomba
44% attività
8% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,
non è nostra intenzione nè è obbiettivo di questo servizio giudicare l'operato di altri colleghi, baseremmo i nostri giudizi solo sul racconto del paziente senza una conoscenza obbiettiva del caso e quindi ci mostreremmo non solo presuntuosi ma quanto meno poco professionali, se non proprio sprovveduti: del resto, ognuno di noi risponde facendo riferimento alla propria attività ed esperienza professionale, ed il confronto è inevitabile.

Ritornando al suo caso l'acqua ossigenata oltre ad avere un blando effetto antibatterico esplicita un'azione meccanica di pulitura, quando usata insieme con l'ipoclorito, perchè le bollicine che vengono a formarsi riportano in superficie evenutuali residui di tessuto pulpare e i residui della limatura dei canali.
La pasta iodoformica può essere usata o meno, è il dentista che decide 'in scienza e coscienza', così come la diga.
L'importante è il raggiungimento dell'obbiettivo finale, cioè la guarigione.

Cordiali Saluti
[#8] dopo  
Utente 177XXX

Iscritto dal 2010
adesso mi è tutto più chiaro. grazie infinite per i chiarimenti
[#9] dopo  
Dr. Sergio Formentelli
48% attività
16% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Si tratta di Pasta Iodoformica, non di pasta devitalizzante (questa si che è da bandire).
E' un potente disinfettante.
Metodo un pò datato, ma funziona.

Riguardo alla diga di gomma, nella valutazione tenga presente che la TOTALITA' delle UNIVERSITA' MONDIALI la indicano come presidio INDISPENSABILE per una corretta esecuzione della terapia.

Per gli altri aspetti si sono già espressi i miei colleghi.