Utente 613XXX
Buonasera dottori,
per combattere una violenta cervicodorsalgia con protrusioni/erniazioni varie sia cervicali che dorsali e sindrome dello stretto toracico (causata da megaapofisi bilaterali trasverse in C7) con sofferenza neurogena cronica mi e' stato consigliato il tramadolo in gocce. Precedentemente (da quattro anni), un po' per uno stato ansioso, un po' come miorilassante sto assumendo 10 gocce di alprazolam due volte al di' (mattina e pranzo). Da 15 giorni assumo per aumentare la soglia del dolore neuropatico (veramente invalidante da costringermi a letto) mi e' stato prescritto dal neuropsichiatra la duloxetina (1 compressa da 60 al mattino). Non avendo alcun successo (o quantomeno avendolo veramente limitato) per il dolore cervicobrachiale (con parestesie ad entrambi gli arti superiori) e contestuale dolore dorsale (da togliere il fiato e portare nausea) il neuropsichiatra mi ha prescritto il tramadolo in gocce (3 volte al di' 10 gocce). Essendo anch'esso un serotoninergico ed essendone dal bugiardino sconsigliata l'assunzione contemporanea con altri SNRI (pericolo sindrome serotoninergica ecc. ecc.) volevo da Voi un consiglio se affrontare questa interazione o meno. Aggiungo che altri analgesici (FANS e non) non hanno sortito effetto. Grazie in anticipo delle vostre risposte...
[#1] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
16% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
gentile utente
l'associazione si può fare con cautela ossia monitorando l'insorgenza di un'eventuale sindrome serotoninergica che il suo specialista saprà diagnosticare
[#2] dopo  
Utente 613XXX

Iscritto dal 2005
La ringrazio della risposta, dott. Vannucchi. Volevo sapere in cosa consiste (che sintomatologie) la "sindrome serotoninergica. Sono abituato e riconosco facilmente gli effetti di uno startup o di un washout da venlafaxina e duloxetina ma non vorrei confonderli appunto con essa.
Grazie ancora della cordiale e competente risposta.
[#3] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
16% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Le riposrto i criteri diagnostici per la sindrome serotoninergica:
Si devono manifestare almeno 3 dei seguenti sintomi in concomitanza con l’aumento della dose di un farmaco, la sua associazione con una nuova terapia farmacologica o all‘inizio di una terapia con farmaci ad attività serotoninergica
Agitazione, Alterazioni comportamentali (stati confusionali, ipomania), Mioclono, Iperriflessia, Sudorazione, Brividi, Tremore, Diarrea, Assenza di coordinazione dei movimenti, Febbre
[#4] dopo  
Utente 613XXX

Iscritto dal 2005
Perfetto dott. Vannucchi. Risposta piu' che esauriente. La ringrazio per la consulenza fornita.
Buona prosecuzione di giornata.