Utente 422XXX
Salve, ho 25 anni e al ritorno dal nord europa (dopo "cistiti" frequenti) ho visto il mio urologo che mi ha diagnosticato una prostatite. Quando ero all'estero ho eseguito test per chlamydia e gonorrea e i risultati sembrano essere negativi (nel senso che non mi hanno richiamato come invece farebbero se i test fossero positivi). Il mio urologo ha constatato un leggero ingrossamento della prostata (palpandola attraverso il retto) e mi ha prescritto Chinoplus 600mg una volta al giorno e una supposta di Mictasone alla sera, il tutto per 10 giorni. Alla fine del trattamento rivedrò l'urologo e farò anche un'ecografia della prostata e della vescica.
Vorrei innanzitutto chiedere se è normale non avere erezioni negli ultimi giorni, se può essere messo in relazione all'infiammazione prostatica o ai medicinali o a uno stato emotivo piuttosto provato dagli ultimi tempi.
Visto che ho 25 anni e quello che leggo online non è molto incoraggiante, ho paura per la mia vita sessuale e ho letto che è abbastanza comune che il problema sia cronico.
Infine, mi suggerite di effettuare esami dello sperma o delle urine per ri-verificare la presenza di virus? Posso effettuare esami del liquido seminale o altro adesso, senza ottenere falsi negativi (per via dei medicinali) ?
Aspetto suggerimenti e/o consigli.



Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,alla luce di quanto ci espone,credo che la strategia del Suo urologo sia corretta,considerando la sintomatologia sfumata.
E' necessario che pratichi uno spermiogramma con coltura ed eventuale antibiogramma per valutare sia l'aspetto batteriologico che il potenziale di fertilità.Per quanto attiene al calo erettivo direi che non necessariamente vada attibuito alla prostatite né,tantomeno,ai medicinali assunti.Comunque,mettendo tanta "carne al fuoco" Le consiglierei una visita andrologica per soddisfare le Sue curiosità ed evitare di alimentare paure immotivate.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 422XXX

Iscritto dal 2007
Gentile Dr Izzo,
la ringrazio per la pronta risposta.
Come posso praticare lo spermiogramma senza avere erezioni?
Inoltre, non ritiene opportuno ripetere scrupolosamente i test anti-virali per escludere falsi negativi? Mi spiego meglio.
Ho spesso letto di prostatiti su questo forum e molti dottori - come pure molti sintomi descritti - fanno pensare ad una chlamydia difficile da individuare. In tal caso, è opportuno finire la cura prescritta dal mio medico e poi eventualmente fare ulteriori controlli o è più opportuno interromperla/discuterla con il medico e fare test più approfonditi? In effetti ad oggi (dopo 5 giorni) sono soltato in attesa di un controllo delle urine con antibiogramma, che tuttavia potrebbe essere un "falso negativo" perchè ho assunto due pillole di Urotractin per calmare il bruciore uretrale iniziale.

Spero in ulteriori delucidazioni. Grazie mille.
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Caro Utente,la chlamydia non é un virus e,comunque,con una accurata diagnostica (anche bio-molecolare)si riesce ad identificare con larga approssimazione.Nel confermarLe la necessità di una visita andrologica,La invito a non intraprendere iniziative terapeutiche autonomamente in quanto potrebbe inquinare ed aggravare una sintomatologia in evidente regressione.
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 422XXX

Iscritto dal 2007
Gentile Dottor Izzo,
in effetti l'urologo che mi ha in cura è anche un andrologo.
I risultati della urinocoltura sono negativi, forse è il falso negativo già accennato. Ne discuterò con il mio medico e vedrò se in questa fase proporrà test più specifici o mi consiglierà di aspettare il termine della cura (10 giorni) e poi eventualmente procedere.
Leggendo da fonti inglesi, ho comunque appreso che il calo di erezione e di interesse sessuale in generale è contemplato tra i sintomi della prostatite.
Non ho intenzione di intraprendere iniziative terapeutiche, come Lei saggiamente consiglia. Come può immaginare, per un ragazzo giovane è un po' traumatico accettare disfuzioni sessuali anche temporanee. Comunque sono armato curiosità (che forse mi spinge ad informarmi anche troppo) e pazienza.

Grazie ancora. Spero di aggiornare presto il forum.