Utente 135XXX
Buongiorno Gentili Dottori,

una volta mi è capitato di leggere di un consiglio dato da un medico secondo il quale un uomo che non avesse temporaneamente una partner avrebbe fatto bene a masturbarsi al fine di mantenere la funzionalita' sessuale. Insomma quel che non si usa lo si perde.

Risponde questo al vero? Non sono sufficienti le erezioni durante il sonno per mantenere la funzionalità sessuale? E, nel caso che quanto sopra citato risponda al vero, quanto dovrebbe all' incirca essere lungo il periodo di astinenza per produrre tali effetti negativi?

Grazie per l'attenzione e cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,tutte le funzioni dell'organismo andrebbero esercitate con regolarità,particolarmente quelle spontaneee (sonno,alvo,sesso etc.).Nel caso della vita sessuale va da sé che,generalmente,la la "regolarità" del ritmo sessuale sia favorita da rapporti stabili particolarmente se improntati alla convivenza.La masturbazione é assolutamente leggittima se é gratificante e non assurge al ruolo di "succedaneo" nevrotico di una vita sessuale di coppia esauritasi o conclusasi bruscamente.La prostata,che produce circa il 40% del liquido seminale,risente favorevolmente del benessere sessuale derivato dalla "regolarità" della vita sessuale in quanto quest'ultima ne evita la congestione.Come consigio,ovviamente,La inviterei a sottoporsi ad uno controllo uro-andrologico per verificare "lo stato del motore"...
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 135XXX

Iscritto dal 2006
Grazie per la cortese risposta Dr. Izzo.