Utente 289XXX
Da circa quindici anni soffro di un disturbo che il mio medico di base ha definito "rinite vasomotoria". Preciso che mi sono sottoposto a visite relativamente alle mie capacità respiratorie (esito negativo) e che ho svolto i test allergologici (esito positivo: sono allergico, in particolare, alle graminacee).
Ma il fastidio di cui parlo si rivela soprattutto quando avverto dei cambiamenti improvvisi di temperatura (ad esempio, quando esco dall'acqua dopo un bagno al mare; oppure quando entro in un ambiente chiuso troppo caldo; oppure ancora quando ho i capelli bagnati) oppure del grado di umidità (ad esempio, quando esco da una doccia calda). In questi momenti inizio a starnutire senza riuscire a fermarmi, a volte, nei casi peggiori, anche per alcune ore.
Dopo che mi è stato detto (sempre il medico di base) che è un problema cronico cui non si può porre rimedio, scopro dal vostro sito che alcune forme di cura o di intervento possono essere adottate e che lo specialista di riferimento è un anestesista esperto in "terapia del dolore".
Innanzitutto, chiedo se il mio fastidio rientra nella categoria della "rinite vasomotoria", oppure come possa fare e a chi rivolgermi per una diagnosi più precisa. In secondo luogo mi piacerebbe sapere quali cure esistono anche solo per attenuarne gli effetti e se sia possibile un intervento radicale che faccia sparire il problema.
Vi ringrazio anticipatamente.
Cristian

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Dario Galante
24% attività
4% attualità
16% socialità
FOGGIA (FG)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
Gentile Utente,
accertato che si tratti effettivamente di rinite vasomotoria (e questo pò confermarlo solo un medico con un'adeguata visita) uno dei trattamenti è rappresentato dalla sommnistrazione di flunarizina da 10 mg la sera. Possono essere associate terapie cortisoniche topiche ed un adeguato trattamento antiallergico, se l'allergia è accertata. Ad ogni buon conto, le consiglio di praticare la somministrazione di flunarizina da sola per poterne saggiare l'efficacia. Esistono in Italia numerosi centri di terapia del dolore a cui potrà rivolgersi con serenità, specie dalle Sue parti.
Cordiali saluti.
Dott. Dario Galante
[#2] dopo  
Dr. Alessandro Roscetti
24% attività
0% attualità
0% socialità
RIETI (RI)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2003
Carissimo Amico,
in accordo con il collega Dario Dr. Galante, Ti invito anche a leggere la risposta ad un quesito simile a quello da Te presentato, del 03/08/2003.
In tale occasione ho cercato di spiegare l'eziopatogenesi della rinite vasomotoria, causa ed il perchè dell'efficacia della cura, nonchè il perchè tale disturbo sia di pertinenza dello Specialista in Terapia del Dolore.

In Fede

A disposizione

Alessandro Dr. Roscetti