Utente 159XXX
Salve, da qualche mese ho una dermatite da contatto o eczema ai palmi delle mani. Le mie mani sono diventate secche, con chiazze desquamate e con frequenti tagli ai polpastrelli. Dopo un consulto all'IDI (istituto dermatologico italiano) di Roma, qualche mese fa mi è stato diagnosticato la malattia in oggetto: dermatite da contatto. E mi è stato prescritta una pomata fatta dell'IDI a base di olio di fegato di merluzzo. A distanza di 4 mesi la cosa non è migliorata, ma peggiorata e in più si sono aggiunte delle piccole chiazze rosa ad un gomito. Stamattina sono tornata all'IDI e un altro dermatologo per il gomito mi ha prescritto ADVANTAL CREMA da mettere in loco per 15 gg (per sospetta psoriasi), ma questo non è associata al fastidio alle mani....così mi ha detto. Per le mani invece mi ha prescritto LIERAC REPAIL CREMA e per il lavaggio OLIOSKIN.Ovviamente da qualche mese non uso più detersivi senza guanti, uso creme della Avéne e cerco di limitare il lavaggio delle mani. Mi sono dimenticata però di chiedere al dermatologo stamattina e non so come rintracciarlo nell'immediato - gli ambulatori pubblici sono purtroppo così!(e per questo lo chiedo qui ) se il mio uso constante della piscina (3 volte la settimana) può aver influito su questa situazione o può influire sul ritardo del miglioramento delle mie mani. grazie infinite

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Marco Spagnoletti
24% attività
0% attualità
12% socialità
AVELLINO (AV)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2006
Gentile utente,
senza gli elementi indispensabili (la visita) per potermi esprimere, e ben conoscendo la validità clinica dei colleghi dell'IDI, prendo per buona la diagnosi che le è stata formulata.
L'esposizione continua all'acqua clorata della piscina può senza dubbio interferire con la sua dermatite ed in particolare può far peggiorare la secchezza che già la affligge, così come il lavaggio frequente.
Cerchi di applicare più volte al giorno una crema emolliente in attesa che i colleghi romani possano rivederla.
In futuro, tenga presente che le abitudini di vita (frequentazione della piscina) vanno espresse chiaramente al medico al momento dell'anamnesi (la fase iniziale della visita che comprende le domande anche generiche che il medico formula al paziente), in quanto sono da tenere ben presenti dal sanitario al momento della costruzione del percorso terapeutico più opportuno.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 159XXX

Iscritto dal 2006
grazie Dott.Spagnoletti, in effetti è stata una mia mancanza non aver rivelato al medico la mia frequenza in piscina. Approfitto della sua gentilezza.... mi può consigliare, se esiste, un prodotto da mettere alle mani prima di entrare a contatto con l'acqua clorata della piscina? Giusto per attenuare l'effetto del cloro. Mi dispiacerebbe rincunciare al mio sport preferito...Grazie di nuovo