Utente 178XXX
Buonasera. Ho 60 anni, faccio un lavoro molto stressante che mi porta spesso ad essere all'estero, fuori casa e certo la mia non è una vita tranquilla. Sovente, diciamo una volta ogni due mesi, mi capita di avere la tachicardia.. (anche in casi di assoluta tranquillità o relax)ma durano al massimo 10 minuti. A settembre ho avuto durante la notte un attacco di tachicardia, dalle 5 del mattino fino alle 8,quando sono uscita per andare al lavoro ho provato la pressione in una farmacia e avevo 92/65 BPM 133!! Sono andata al pronto soccorso con 177 BPM e dopo avermi fatto un'endovena e una flebo di Ritmonorm ho avuto la cardioversione. Mi hanno dimesso nel giro di mezza giornata, consigliandomi: diagnosi FA - terapia 2 capsule di Ritmonorm al giorno. Oggi , dopo aver fatto ecocolordoppler cardiaco nella norma , l'Halter per 24 ore nella norma , l'elettrocardiogramma nella norma e gli esami del sangue T3-T4 nella norma - TSH basso, ho effettuato una visita di controllo e il Cardiologo mi ha consigliato di proseguire con la terapia del Ritmonorm (2 capsule al giorno mattina e sera) per ben 6 mesi!!! Sono molto preoccupata per l'assunzione di questo farmaco per un periodo così prolungato.
NON HA CONTROINDICAZIONI?? Non farà male al fegato? Hai reni?? Non credo che 2 capsule al giorno per altri 6 mesi non abbiamo degli effetti collaterali o sbaglio??
Inoltre mi ha trovato il valore TSH praticamente inesistente (0,01) e quindi devo fare una visita dall'endocrinologo. Ultima domanda: non può essere che la tiroide si sia sballata a causa di due mesi di terapia con Ritmonorm??
Vi ringrazio di vero cuore per la vostra disponibilità. In attesa vostre notizie, invio cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
171326

Cancellato nel 2012
No, credo che il disturbo della tiroide sia la causa della fibrillazione atriale. Vada subito da un endocrinologo e inizi la terapia appropriata. Forse in caso di ipertiroidismo il Betabloccante può essere più efficace, specie se all'eco non ci sono anomalie cardiache.
Comunque sia il Rytmonorm non da problemi a chi ha un cuore che funziona bene.
[#2] dopo  
Utente 178XXX

Iscritto dal 2010
Grazie Dr. Castaldi!
Andrò nei prossimi giorni da un endocrinologo, ma una sola domanda: non mi è chiaro se lei indica l'efficacia del Betabloccante al posto del Rytmonorm. Ho capito bene?
Buona giornata
[#3] dopo  
171326

Cancellato nel 2012
Se è stato il primo episodio di fibrillazione atriale e la causa scatenante è l'ipertiroidismo si preferisce il B-bloccante perchè la causa scatenante è l'attività simpaticomimetica degli ormoni tiroidei. Ma questa è una valutazione che va confermata ed integrata con indagini strumentali. è solo una possibilità, non la verità.