Utente 337XXX
Ho letto quanto segue :
I risultati di alcuni studi dimostrano che l'attività antiaggregante della terapia clopidogrel (usualmente utilizzata nei pazienti sottoposti a impianto di stent coronarico) subisce un significativo decremento se associata alla contemporanea assunzione di un inibitore di pompa protonica, l'omeprazolo, nella fattispecie. Gli IPP trovano indicazione elettiva come gastroprotettori nei pazienti ad alto rischio di emorragie gastro-intestinali che assumono FANS o aspirina ma sono anche sempre più utilizzati anche in pazienti a basso o bassissimo rischio o addirittura come " copertura gastrica" in pazienti in politerapia. Questi risultati preliminari, il cui impatto clinico resta da determinare con eventuali studi ad hoc, dovrebbero comunque far riflettere sull'abitudine sempre più diffusa di associare sistematicamente un IPP alle terapie antiaggreganti. Una particolare cautela dovrebbere essere posta nei pazienti che assumono clopidogrel in seguito ad impianto di stent, in particolare di quelli medicati che sono a maggior rischio di occlusione.
Sono 4 anni che assumo Plavix ed Omeprazolo. Come devo comportarmi ??????

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
In realta' tutti gli IPP non andrebbero assunti per piu' di otto settimane consecutive in tutti i pazienti.
In chi assume clopidogrel pare che l ' IPP da suggerire sia il pantoprazolo, anche se per periodi limitati e non quindi vita natural durante...
Buona serata. cecchini
www.cecchinicuore.org