Utente 611XXX
Spett. Dottori, volevo chiedervi un consulto riguardo a una cosa che mi capita da alcuni giorni.
Oggi sono stato per la terza volta in palestra, in quanto conducevo una vita sedentaria e volevo mettermi a fare un po di attività fisica.
Premetto di essere una persona molto ansiosa, tanto che ho appena terminato una cura a base di Fevarin 100 mg, prescrittami dal mio Neurologo e ho anche completato un percorso con uno psicologo. La mia ansia è scatenata dalla paura di avere patologie gravi o cmq qualunque cosa che metta in pericolo la mia vita. La terapia a base di Fevarin l'ho iniziata a Giugno, e il neurologo mi ha detto che prima di iniziarla avrei dovuto fare un ECG. Per cui ho eseguito l'ECG e il cardiologo che l'ha eseguita mi ha detto che tutto è risultato nella norma. La cura l'ho terminata, circa 15 gg fa; ora sto procedendo con il diminiuire di settimana in settimana la frequenza dell'adozione del farmaco.
Non sono mai stato un sportivo, e lavoro in un ufficio come impiegato, per cui conduco una vita abbastanza sedentaria; ogni tanto, questa estate, mi facevo 10-15 min di corsa fino in spiaggia e poi basta.
Non ho nessun parente che ha, o ha avuto problemi cardiaci.
Così ho iniziato ad andare in palestra la settimana scorsa, nonostante un potente raffreddore e 37.2 di febbre. Durante l'allenamento ho sentito che i battiti erano molto accelerati, infatti il cardiofrequenzimetro della ciclette è arrivato a segnare anche 150 battiti, però senza fare chissà che sforzi immondi, solo degli esercizi con cui cominciare a mettersi in moto. Mi sono accorto che soppratutto la bici, fatta con una certa resistenza mi fa alzare i battiti.
Anche oggi che sono andato per la 3° volta è successa la stessa cosa, dopo un po di esercizi avevo il cuore abbastanza accelerato. Dopo una breve pausa sento che un po i battiti calano ma non fino alla normalità. Anche ora che sono quasi due ore che ho terminato l'allenamento mi sento un po i battiti accelerati. Al di fuori della palestra però non ho tachicardia, anche se cammino e svolgo la mia quotidianeità.
Ora, ho già prenotato il 20 Novembre una visita sportiva da un cardiologo con ECG, nell'attesa però pensavo di smettere con l'attività sportiva.
La cosa che mi fa paura, da buon ipocondriaco, da una parte è di avere problemi cardiaci, ma dall'altra è la consapevolezza che non ho mai avvertito una cosa del genere, neanche quando correvo quest'estate o andavo in palestra 10 anni fa.
Ora volevo chiedervi se è possibili che questi miei battiti accelerati in palestra possano essere dovuti al fatto che sono ancora in cura con il Fevarin, oppure al fatto che sono ancora preso con questo potente raffreddore e quindi faccio più fatica del solito.
Vi ringrazio fin d'ora per la disponibilità concessami per la risposta alla mia richiesta di consulto.
Nell'attesa di ricevere Vs. risposte, porgo

Cordiali Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,
il rapido incremento della frequenza cardiaca in corso di attività fisica è molto comune nei soggetti sedentari che cominciano a praticare attività fisica, e si riduce sensibilmente col progredire delle sedute di allenamento. Le consiglio comunque di eseguire un test da sforzo massimale (presso uno specialista cardiologo!) per una adeguata valutazione delle reazioni del Suo cuore allo stress fisico.
Nel frattempo può praticare una blanda attività aerobica, così da tenere "in caldo" la Sua muscolatura ed il Suo apparato cardiocircolatorio.
Infine, Le confermo che la terapia con Fevarin non ha effetti sulla frequenza cardiaca e pertanto non può essere responsabile di quanto Le accade in palestra.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 611XXX

Iscritto dal 2008
Gentile Dott. Fedi la ringrazio per la tempestiva risposta alla mia richiesta di consulto.
La cosa mi ha un po spaventato perchè non avevo mai avuto una risposta del genere; vero è anche che non avevo più praticato sport per più di un'ora da oltre 10 anni, massimo massimo ho fatto 20 min di corsa saltuariamente.
Volevo inoltre precisarle che normalmente, prima di iniziare la palestra, non ho mai accusato tachicardia, ad esempio per fare una scala o una camminata veloce, se non quando mi prendevano gli attacchi di ansia.
Continuerò allora con l'attività come da lei suggerito e eseguirò la visita dal cardiologo con ECG sotto sforzo.
La ringrazio ancora Dott. per la disponibilità e il tempo dedicatomi.

Cordiali Saluti