Utente 168XXX
cari dottori, in seguito a due episodi ravvicinati di fibrillazione atriale mi sono sottoposta a vari esami: eco cardiogramma, holter, esami del sangue completi e mi sono poi recata da un cardiologo per avere una diagnosi. pare che l'ecocardiogramma abbia evidenziato un'imperfezione della valvola mitralica e durante la visita il dottore mi ha detto che è ai limiti del prolasso. mi è stato prescitto il cardicor da prendere una volta al giorno per 3 mesi e a seguire una visita di controllo. mi pare si tratti di un farmaco abbastanza pesante e in particolare mi ha un pò preoccupato il fatto che abbassi la pressione perchè io ho già la pressione bassa per natura (105 su 75 in condizioni normali). può essere pericoloso? inoltre mi chiedevo se posso riprendere a fare nuoto, sport che ho sempre praticato anche a livello agonistico, anche se da un paio di anni ho interrotto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
la prescrizione del cardicor, ossia di un beta-bloccante, trova indicazione nei casi di tachicardia inappropriata, extrasistolia e nel suo caso anche di prevenzione di recidiva di fibrillazione atriale. E' vero che può determinare un abbassamento pressorio, ma è ovvio che lei necessariamente dovrà sottoporsi a successivi controlli elettrocardiografici magari già ad un mese. Per l'attività sportiva, se praticata con costanza ed in maniera non agonistica, non dovrebbe avere particolari controindicazioni.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 168XXX

Iscritto dal 2010
grazie per la risposta.