Utente 139XXX
Gentilissimo Dott.re,
ho un bambino di 6 anni, fin ora in ottime condizioni di salute.
Domenica mattina si è svegliato molto agitato e pallido il viso.Piangeva , accusando un forte dolore al petto e formicolio al braccio .
L'ho portato in ospedale e gli hanno dato una supposta di Lonarid per tranquillizarlo mentre aspettavano il cardiologo.Dopo poco tempo gli hanno fatto l'elettrcardiogramma. L'esito è stato il seguente: ipertrofia ventricolare sinistra.
L'hanno dimesso dicendomi che non aveva nulla e che erano dolori intercostali.
Ieri sera , il dolore si è ripresentato. Non con la stessa intensità della volta precedente, ma comunque evidente. l'ho portato dal pediatra che lo segue fin dalla nascita(quando è nato aveva il dotto di Botallo chiuso ...patologia che si è sistemata in pochi mesi), mi dice che è una cosa abbastanza strana ma nel contempo di stare tranquilla..
Cosa mi consiglia?Sono abbastanza preoccupata,non è un bambino che si lamenta spesso...

La ringrazio anticipatamente per il suo consulto , cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
La diagnosi di ipertrofia ventricolare sinistra in un bambino va necessariamente posta a mezzo di un ecocolordoppler cardiaco in quanto l'ECG, specie se eseguito con macchine dotate di lettura "automatica", può essere fuorviante (è necessario sempre il parere del cardiologo).
Parli col Suo pediatra di famiglia, chiedendogli se reputa necessaria l'esecuzione di un ecocardio.
Cordiali saluti