Utente 426XXX
Scrivo nella speranza di poter approfittare della vostra disponibilita'.

E da svariati anni, circa 10, che convivo con extrasistole (la frequenza rispetto ai primi tempi si e' sensibilmente ridotta) e dolori al petto (più o meno giornalieri) che mi accompagnano durante la mia vita. Il problema è che gli eventi cardiaci hanno caratterizzato la mia famiglia, sia mio nonno che mio padre sono morti a causa di questo problema (mio padre quando aveva meno di 50 anni), ecco perche' quando avverto questi fenomeni la mia tranquillita' ne risente. Piu' volte ho cercato di parlare con il mio medico di base per sapere come e quando effettuare controlli preventivi per scongiurare l'insorgere di possibili problemi/malattie. Nonostante il suo parere contrario (dovuto alla mia eta' 30 anni) sono riuscito nel tempo a farmi prescrivere controlli come Ecocolordoppler, Holter 24H e Analisi del sangue generici, fortunatamente nessuno di questi ha evidenziato problematiche. Ora quello che mi chiedo è, alla luce della mia situazione familiare e dei controlli effettuati cosa consigliereste? Continuare ad effettuare dei controlli (magari con una frequenza precisa)? Quelli fatti sono sufficienti? I dolori al petto possono essere ricondotti esclusivamente a stati d'ansia o stress?
Grazie di cuore

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Paolino Brindicci
24% attività
0% attualità
8% socialità
BARI (BA)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2007
egrgio signore, è piu' che giusto che lei si cauteli, vista l'ereditarietà, ma non esageri. Tuttavia un esame di fondamentale importanza è un RMN cardiaco. Gradirei inoltre sapere la morfologia di queste extrasistoli è la classe lown (si rivolga al suo cardiologo).
Appena eseguiti questi esami si faccia vivo...e ne riparliamo. Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 426XXX

Iscritto dal 2007
Per quanto riguarda le extrasistoli sono ormai sporadiche, ci sono settimane che non ne avverto neanche una e quando capita è semplicemente per un momento. Ad esempio leggendo il referto dell'Holter 24h sostenuto ne viene tracciata solo una alle 22:00 (99372 battiti totali di cui 1 BESV) mentre durante l'ECG sotto sforzo il fenomeno non si e' presentato (125 Watt raggiunti - inizio 94FC 110/75PA - fine esercizio 196FC 175/70PA - recupero 96FC 115/75PA). Per quanto riguarda invece la morfologia e la classe lown non saprei a chi rivolgermi in quanto non ho un cardiologo di fiducia, mi sono sempre rivolto alla sanita' pubblica ed i tempi biblici mi hanno sempre obbligato ad andare al primo ambulatorio disponibile (ogni volta diverso).