Utente 426XXX
Buongiorno. tra poco effettuerò un TEST Polymerase Chain Reaction (P.C.R.) qualitativo di controllo : il dubbio è che su alcuni siti della FDA americana è riportato che il risulato è attendibile praticamente al 99% anche nel giro di 1 mese dal possibile contagio da HIV, mentre alcuni siti italiani lo escludono categoricamente! vorrei semplicemente sapere a che percentuale secondo voi posso ritenere il risultato valido, considerando che l'ultimo rappoto a rischio ( anche se è stato anche usato il profilattico ) è avvenuto 2 mesi or sono. Ringrazio tutti coloro che vorranno rispondermi.
[#1] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Sconsiglio vivamente di eseguire la PCR per HIV come screening diagnostico per HIV, a causa dell'alto rischio di falsi positivi e dei risultati di non facile interpretazione. La diagnosi si può basare esclusivamente ancora sulla ricerca anticorpo con EIA e successivo Western Blot. Nell'EIA comunque si cerca anche antigene P24, molto precoce per la diagnostica dell'infezione.
Marcello Masala MD
[#2] dopo  
Utente 426XXX

Iscritto dal 2007
Gent.mo Dott. Masala, innanzitutto la ringrazio molto per la sua risposta. Assieme alla PCR ( qualitativa ) effettuerò questi esami :
- VIRUS EPATITE C [HCV] ANTICORPI
- VIRUS IMMUNODEFICIENZA ACQUISITA [ HIV 1-2 ] : RICERCA ANTICORPI

Presumo che il secondo di questi sia quello che intende lei, o almeno credo. Ad ogni modo, se ho capito bene, se la PCR dovesse risultare positiva ma La ricerca anticorpi dovesse essere negativa, avrei qualche margine di speranza....? ( faccio presente che a 2 mesi dal possibile contagio non ho presentato alcun sintomo, anche se ho letto che ciò non è molto rilevante, e cambia da soggetto a soggetto... )... e quindi se entrambe fossero negative, potrei stare abbastanza tranquillo ?
l'altro mio dubbio è : come mai negli stati uniti, paese in cui ho vissuto per circa 4 anni, la PCR è considerata praticamente l'unico test precoce ed efficace mentre qui in italia la si ritiene ingannevole come ha detto lei ? in centro diagnostico mi hanno riferito che la PCR può dare dei falsi negativi, ma la percentuale di falsi negativi a 2 mesi dall'evento a rischio è molto bassa.... .
[#3] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
A sessanta giorni dal contatto potrebbe eseguire anche soltanto anticorpo più antigene P24 ottenedndo un risultato affidabile al 98%.
L'affidabilita della PCR è molto legata alla metodica e alla possibilità di interpretazione non univoca.
Marcello Masala MD
[#4] dopo  
Utente 426XXX

Iscritto dal 2007
sopra le ho riportato i 2 esami che il mio medico di base mi ha prescritto ( noto che l'antigene P24 non è menzionato... e da quanto ho capito sarebbe conveniente fare quello piuttosto che la PCR. Quindi devo cambiare prescrizione ? ( faccio presente che mi ha prescritto anche l'emocromocitometrico..) Ringrazio moltissimo per la dispobilità!! Complimenti per il servizio
[#5] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Le consiglio vivamente anticorpo più antigene P24.Si fa con un unico EIA e comprende entrambi i ceppi.
Marcelllo Masala MD
[#6] dopo  
Utente 426XXX

Iscritto dal 2007
D'accordo....un ultimo dubbio.... nell'esame che mi ha prescritto il mio medico ( ricerca anticorpo HIV [1-2]) è già presente la ricerca dell'antigene oppure deve comparire esplicitamente nella prescrizione ( ...RICERCA ANTIGENE P24 ) ? Ringrazio ancora moltissimo per le delucidazioni che vorrà darmi!... Distinti Saluti
[#7] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Dipende dal test che utilizza il laboratorio presso cui si reca. Lo chieda al momento del prelievo.
Marcello Masala MD
[#8] dopo  
Utente 426XXX

Iscritto dal 2007
Gent.mo dottor Masala, ho fatto il test VIRUS IMMUNODEFICIENZA ACQUISITA [ HIV 1-2 ] : RICERCA ANTICORPI ed è risultato negativo ( 2 mesi dal possibile contagio, che però, è stato comunque un episodio a basso rischio...): ma sull'esito compare come metodo : CLIA . Volevo sapere se questo tipo di esame prevede anche al ricerca dell'antigene p24 o meno ( in laboratorio mi hann odett odi si..ma sull'esito non lo vedo comparire...) anche perchè mi è stato detto che attualmente questo esame è già affidabile a 2 mesi dal rapporto per il 97-98%..vorrei in pratica sapere de posso tirare un mini sospiro di sollievo! Da quando ho fatto il prelievo ho la tensione alle stelle..rigidità muscolare.. 37°C a mezzogiorno anche se alla sera scende a 36,4°C ..mi è uscita una macchiolina grande come una nespola sulla fronte (anche se soffro da anni di dermatite sebborroica al cuoio capelluto ) andata via subito dopo con gentalyn beta.....ho un piccolo accumulo di muco alla gola...sono sempre elettrico...praticamente una fonte di energia rinnovabile...
la ringrazio della risposta che mi darà
distinti saluti
[#9] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Complimentoni, una gran bella notizia. Il test svolto comprende anche ag P24. La dicitura non compare mai, poiche la risposta è unica; in caso di positività si esegue un'altro test e non si può scrivere negativo. L'affidabilità è superiore al 98%. Stia sereno.
Marcello Masala MD
[#10] dopo  
Utente 426XXX

Iscritto dal 2007
grazie mille! mi è venuto anche il raffreddore..ma penso che sia piu un fatto che lo stress mi ha causato...comunque la ringrazio ancora moltissimo.
Distinti saluti
[#11] dopo  
Utente 426XXX

Iscritto dal 2007
gent.mo dottor Masala, mi permetto di disturbarla nuovamente, perchè come scritto sopra lei mi ha riferito ( come il mio medico peraltro ) che il test precoce dell'antigene p24 comprende entrambi i ceppi dell'HIV. Vorrei riportarle una cosa che ho letto in una note enciclopedia libera on line :
( riferito al test antigene p24 ) ".......C'è inoltre da precisare che questo test è relativo solo all'HIV-1 e non all'HIV-2". inoltre..sempre questa nota enciclopedia online, cercando la parola chiave TEST HIV, illustra come il periodo finestra con i test ELISA attualmente presenti nei laboratori si riduca a massimo 1 mese... anche se appunto è sempre consigliato eseguirne uno a 3 e uno a 6 mesi.. Come mai queste discordanze ? Vorrei un suo commento... La ringrazio moltissimo per l'interessamento.
Distinti saluti
[#12] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Carissimo paziente in Italia HIV2 praticamente non se ne trova, analoghi proteici precoci sono comunque presenti nel test. Riguardo la rapidità con cui il test Elisa o EIA rivela il virus, è vero che i tempi sono abbastanza contratti. Si sono osservate tuttavia sieroconversioni tardive.
Marcello Masala MD
[#13] dopo  
Utente 426XXX

Iscritto dal 2007
gent.mo dottore. mi permetto di disturbarla nuovamente perchè mi è cpaitato di leggere una cosa che mi ha lasciato sbigottito, basìto, incredulo...insomma... veramente stupefatto. Le scrivo il link : http://www.ilvirusinventato.it/ dal titolo già si capisce di cosa si parla. Avevo già sentito cose del genere ma mai con questi dati statistici. Mi rendo conto che questo è un servizio di consulti on line. ma vorrei se possibile un suo commento, in quanto voi medici che ci aiutate e ci rispondete siete visti come un'altro medico di famiglia, a cui chiedere anche un'opinione.. . queste notizie mi hanno veramente choccato, anche se non so se posso ovviamente ritenerle attendibili..quindi chiedo alei un'opinione a riguardo! Quando potrà rispondermi sarò ben felice di leggere la sua opinione a riguardo. La ringrazio moltissmo
Distinti Saluti
[#14] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Conosco il sito, lo ignori, è criminale.
Marcello Masala MD