Utente 180XXX
Buonasera.
Con la presente vorrei sottoporvi un dubbio. Il giorno 4 giugno 2010 ho avuto un rapporto sessuale protetto con una ragazza di cui ignoro praticamente tutto. Il rapporto è stato di naturale vaginale. Dopo il coito, mentre estraevo il pene, il preservativo mi si è sfilato, dunque non saprei dire se c'è stato contatto non protetto tra di noi. Ho eseguito un test a 35 giorni risultato negativo e uno il giorno 5 ottobre risultato negativo anch'esso. Ero tranquillo, ma in queste ultime due settimane ho iniziato ad avere necessità di urinare di continuo e bruciare sulla punta del glande. Il mio medico mi ha prescritto della fosforomicina che però non ha cambiato le cose. Domani mi recherò di nuovo dal medico, ma mi domandavo se posso ritenere definitivo il test a quattro mesi dall'evento o meno. Aggiungo che durante i primi 100 giorni dal fatto non ho avuto alcun sintomo reale da sieroconversione. Il dubbio è se devo ripetere il test a inizio dicembre o meno perchè non riesco a capire se il test a sei mesi sia necessario o se mi possa sentire del tutto sicuro già ora. Come ulteriore informazione vi riscrivo il referto delle analisi del 5 ottobre
metodo : CMIA ricerca Ag p24/ Ab HIV 1-2 risultato Negativo.
Vi sarei molto grato per una risposta.
[#1] dopo  
Dr. Arduino Baraldi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Il test fatto è definito , stia tranquillo
[#2] dopo  
Utente 180XXX

Iscritto dal 2010
Grazie mille per la risposta dottore.
Tuttavia ho un dubbio... ho letto che il test a sei mesi è indicato solo laddove si sappia per certo che la partner è sieropositiva. Però mi domando... se comunque c'è la possibilità che il test a meno di 180 giorni non sia definitivo, allora perché Lei mi dice che il test a 125 giorni è da intendersi definitivo? La prego di non pensare a un tentativo di polemica.
Immagino che esistano siero conversioni anche dopo 125 giorni se ad alcuni viene consigliato di sottoporsi al test dopo 180 giorni o mi sbaglio?
La ringrazio molto per l'attenzione.
[#3] dopo  
Dr. Arduino Baraldi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Non esistono ad oggi sieroconversione oltre il 100° giorno, io non ho mai detto 125°, a meno di gravi stati immunodepressivi PREESISTENTI come malattia e che non hanno nulla a che vedere con AIDS. E' vero che alcuni consigliano un test a 180 giorni in caso si sappia che c'è sieropositività ma ritengo che sia del tutto inutile poichè al 100° giorno è più che sufficiente