Utente 180XXX
Salve, ho 33 anni e sono in terapia da un dentista per una devitalizzazione. Il dente incriminato è un incisivo inferiore che ormai morto, per cause probabilmente di origine traumatica, ha provocato un'infezione estesissima (da canino a canino) che si è esternata, dopo chissà quanto, con una fistola gengivale.
La cura datami dal dentista per la risoluzione del problema è la cura canalare associata a ben tre sedute di igiene orale a distanza di circa 10 giorni l'una dall'altra. La mia domanda si fonda su queste ultime... perchè tre sedute di igiene dentale?! Mi è stato risposto che è perchè ho le gengive molto gonfie. Considerato che l'ultima volta che ho fatto la pulizia dal dentista è stata 1 anno e mezzo fa, volevo sapere se queste sedute sono plausibili o se è solo un pretesto di guadagno e quindi devo diffidare e chiederne di farne solo una.
Vi ringrazio infinitamente per la disponibilità.
[#1] dopo  
56390

Cancellato nel 2011
Gentile utente, il numero delle sedute di igiene orale si può solo ipotizzare, perchè bisogna valutare diversi fattori come la quantità di tartaro sopra e sotto gengiva, l'entità del gonfiore gengivale con presenza di tasche o di pseudotasche, e non ultimo la risposta del paziente alle cure.
Si fidi del suo curante e valuti i risultati.
[#2] dopo  
Dr. Sergio Formentelli
48% attività
16% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
La sua domanda:
"volevo sapere se queste sedute sono plausibili o se è solo un pretesto di guadagno e quindi devo diffidare e chiederne di farne solo una."

Le sedute di igiene orale possono essere state indicate per due motivi:
1)
Perchè lei ne aveva bisogno.
2)
Come dice lei per un pretesto per un maggior guadagno.

Come possiamo rispondere noi senza neppure vederla?

Ma se lei diffida della serietà del dentista, perchè vuole "imporgliene" una?
Ad una persona di cui diffido (e ce ne sono non poche, non solo dentisti) io non gli faccio guardare neppure il mio gatto, figuriamoci lasciargli mettere le mani nella mia bocca.

Lei deve decidere innanzitutto: ha fiducia in questa persona?
Se SI, agisca di conseguenza.
Se NO, agisca di conseguenza.

[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca
40% attività
16% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Probabilmente presenta oltre a tartaro sopra e sottogengivale, anche delle tasche che vanno trattate in una seduta successiva. Questo collega è il suo odontoiatra di fiducia o no? Deve decidere in base a ciò.
Saluti
[#4] dopo  
Utente 180XXX

Iscritto dal 2010
Diciamo che il fatto che ci sia comunque anche una possibilità che sia necessario agire in quel modo proposto dal mio dentista mi sta pure bene; nel senso che, se qualcuno avesse risposto: "mai sentita una cosa del genere" allora mi sarei preoccupata. Quindi mi fiderò di lui.
Grazie mille