Utente 180XXX
Gentili medici,
ho 29 anni. Da un paio di giorni ho notato un leggero gonfiore a cavallo fra l'attaccatura del pene e l'inguine destro. Questo gonfiore, non sempre egualmente evidente, non è propriamente doloroso, ma mi provoca un leggero fastidio che sale su verso l'appendice e, ammesso che ci sia una correlazione e non sia più semplicemente un dolore muscolare, nella zona lombare destra.
Nel corso dell'estate appena trascorsa, mi sono accorto di tracce di sangue nello sperma e il mio medico mi ha prescritto un antibiotico per curare una 'sospetta' prostatite. Dopo due settimane, il problema si è risolto.
Al momento non ho notato alcun problema durante la minzione, né nel corso di rapporti sessuali.
Vorrei sapere ora se questo quadro sintomatologico può essere legato alla prostatite (magari curata male) o se, invece, il problema può essere un altro (un'infiammazione del funicolo spermatico, p.es., o un'ernia inguinale).
Vorrei recarmi dal medico venerdì p.v. perché per ragioni di lavoro, prima proprio non è possibile, ma mi preoccupo e una risposta potrebbe tranquillizzarmi.
Ringrazio anticipatamente per l'attenzione e porgo i miei saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Sergio Sforza
36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente una prostatite non si evidenzia mai con una tumefazione, quindi ritengo da cio che lei ha riferito che il suo problema sia più suggestivo per un'ernia inguinale.
Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 180XXX

Iscritto dal 2010
Grazie mille per aver risposto tanto tapidamente.
Vorrei solo specificare, augurandomi di non sembrare noioso, che il gonfiore non è localizzato "nell'inguine", ma sul basso ventre, appena sopra il pene, sul lato destro.
Lì avverto una sorta di cordone, mentre nell'inguine posso sentire come una "cisti" che però credo di aver già rilevato in passato. Il fastidio non è continuo, ma a volte è più intenso e proprio stasera ho avvertito due fitte.
E' il caso che questa volta, riportati i sintomi al mio medico, mi fidi della sua diagnosi o è consigliabile la visita da uno specialista (anche considerando il fatto che non ho mai visitato lo studio di un andrologo/urologo)?


Cordiali saluti.
[#3] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,


dalla sua descrizione mi sembrerebbe poco probabile che lei sia affetto da una ernia inguinale, che comunque va valutata da uno specialista andrologo o urologo o chirurgo generale che, possa, nel contempo valutare se sia presente una qualche patologia funicolare o testicolare
Cari saluti
[#4] dopo  
Dr. Sergio Sforza
36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente dalla sua ulteriore spiegazione più dettagliata dai sintomi, anche io pongo il dubbio su un'ernia inguinale, in quanto prima parlava di un gonfiore non sempre egualmente evidente tra l'attaccatura del pene e l'inguine dx,dopo ha descritto una tumefazione sul basso ventre sopra la base del pene a destra.Alla luce di questo suo giusto chiarimento prima di indirizzarsi ad uno specialista urologo o chirurgo si faccia visitare dal suo medico curante che potrà meglio indirizzarla dallo giusto specialista.
Cordiali saluti.