Utente 181XXX
Salve,

ho 30 anni,da qualche anno soffro di attacchi di panico e sono un soggetto molto ansioso. Ho curato la cosa con ottimi risultati presso una psicologa. A questi fenomeni però si associano episodi sporadici di battito irregolare o palpitazione. Il primo episodio che ho avuto è stato giocando a calcio durante una partita quando ho iniziato a sentire una sensazione al petto di rigonfiamento ( è sempre la solita) e poi è cominciato un battito assolutamente irregolare del cuore per circa 2 minuti fino a che a un certo punto a ha fatto quasi un tonfo ed è tornato a battere veloce ma normale. In modo cosi forte mi è successo altre 4 volte tra cui una in questo Luglio e una pochi giorni fà mentre facevo una flebo endovena con antibiotico ( in ospedale ovviamente) con 'l'ago sul braccio sinistro. A volte ho la sensazione che mi viene, sopratutto se son disteso, mi basta alzarmi e tossire per muovere il catarro che sento nel petto per far tornare tutto normale. Premetto che fumo e questi episodi mi vengono uniti a stress accumulato, ansia, a volte con stomaco pieno (come la prima). Il problema principale è il fumo, inutile dirlo, dovrei eliminarlo ma questo lo so di mio , quello che sono a chiedervi è capire come posso definire questo fenomeno visto che ho eseguito visite cardiologiche accurate, ho eseguito l'holter da cui è uscita solo una extrasistole ventricolare singola che il cardiologo non ha valutato importante, ho eseguito test sotto sforzo, esami del sangue, esame della tiroide e gastrosopia con biopsia. Sono un soggetto perfettamente sano , tutti i medici dicono che sia tachicardia, attacchi di panico ma io mi conosco e non si tratta di quello, una cosa è quando il cuore và forte e batte regolare e una cosa è quando è irregolare e da colpi distinti e a caso. Se nell'attacco di panico ho paura in questi episodi sono terrorizzato, ho sensazioni di morte imminente. Nessuno riesce a dirmi cosa sono realmente e purtroppo arrivo a fare gli elettrocardiogrammi sempre a irregolarità finita, il dottore vede magari un battito a 140 , non vede sintomi di infarto e mi da la diagnosi : attacco di panico.( stessa cosa che è successa nell'ultimo episodio durato circa 1 minuto, ho staccato la flebo dal mio braccio da solo ed è passato, fatti subito tutti gli esami e stesso referto)Spero qualcuno possa chiarirmi di più la situazione e nel caso se ho dimenticato di citare qualosa me lo dica. Cordialità

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Se ha eseguito ECG, Holter e Sforzo con esito negativo starei tranquillo. Quelle che lei descrive sono tipicamente extrasistoli.
Deve invece preoccuparsi del fumo, non solo perché la nicotina aumenta la frequenza delle extrasistoli, ma come forse sa, provoca il cancro ai polmoni. Lei mi pare concentrato su sintomi banali non prestando attenzione a ciò che davvero può facilitarle l infarto o l ictus od il cancro. Smetta di fumare, ma non domani. Adesso.
Buona giornata
Cecchini
www.cecchinicuore.org