Utente 181XXX
BUON GIORNO DOTTORE MI RIVOLGO A LEI PERCHE' LEGGENDO NEI FORUM LA REPUTO UNA PERSONA MOLTO PREPARATA.
LE ESPONGO I FATTI, CIRCA 8 ANNI FA HO AVUTO UNA PROSTATITE CURATA EFFICACEMENTE COL LEVOXACIN 500. OGNI ANNO DA QUELLA VOLTA FACCIO DI ROUTINE UNA SPERMIOCOLTURA, CHE E' SEMPRE RISULTATA NEGATIVA, LEUCOCITI SEMPRE ASSENTI, EMAZIE SEMPRE ASSENTI.
CIRCA DUE ANNI FA PER MIO SCRUPOLO, UN PO PARANOICO PER LA PAURA DI UNA RECIDIVA HO FATTO DI MIA SPONTANEA VOLONTA UNA ECOGRAFIA TRANSRETTALE, NELLA QUALE RISULTAVANO DELLE ZONE IPERCOGENE ED ALCUNE ZONE IPOECOGENE, STRUTTURA DISOMOGENEA, ED UNA MODICA IPERVASCOLARIZZAZIONE NELLA PARTE MEDIA DELLA PROSTATA( IPERVASCOLARIZAZIONE PROBABILMENTE PRODOTTA DAL FATTO CHE HO AVUTO UN RAPPORTO SESSUALE 1 ORA PRIMA DELL ECOGRAFIA). PREMETTO CHE SONO SEMPRE STATO ASINTOMATICO, E TUTTORA NON HO ALCUN SINTOMO. HO FATTO UNA VISITA DALL UROLOGO IL QUALE MI HA DETTO CHE QUELLE ZONE IPER ED IPOECOGENE SONO ESITI DI VECCHIE PROSTATITI SOLO UN RICORDO E CHE NON AVREBBERO DATO NESSUN PROBLEMA E CHE SONO SANO E CHE NON C'E' NESSUNA PROSTATITE IN ATTO. LA MIA DOMANDA E' LA SEGUENTE, LE ZONE IPERECOGENE O LE CALCIFICAZIONI POSSONO DARE PROBLEMI IN FUTURO, VISTO CHE SONO DA ORMAI QUASI UN DECENNIO ASINTOMATICHE RIMARRANNO TALI?
LE CALCIFICAZIONI PROVOCANO EIACULAZIONE PRECOCE OD IMPOTENZA?
LE ZONE IPOECOGENE ASINTOMATICHE POSSONO DARE PROBLEMI?
SCUSI SE LE FACCIO QUESTE DOMANDE MA HO COMINCIATO A NAVIGARE SU INTERNET E MI SONO SPAVENTATOMOLTO E PER QUESTO MI SONO RIVOLTO A LEI PER AVERE UN PO DI CHIAREZZA

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
la maniera migliore e scientificamente provata per cascare in una recidiva di prostatite è la paura di prendersi una recidica: l' ansia è un peggiorativo di qualsiasi patologia. Detto questo cominci con stare tranquillo:

Faccio Copia incolla coi suoi quesiti
LE ZONE IPERECOGENE O LE CALCIFICAZIONI POSSONO DARE PROBLEMI IN FUTURO, VISTO CHE SONO DA ORMAI QUASI UN DECENNIO ASINTOMATICHE RIMARRANNO TALI? Le calcificazioni prostaitiche le abbiamo tutti, per cui di per se non anno alcun siglificato.
LE CALCIFICAZIONI PROVOCANO EIACULAZIONE PRECOCE OD IMPOTENZA? No
LE ZONE IPOECOGENE ASINTOMATICHE POSSONO DARE PROBLEMI? No.

Dorma tranquillo.
[#2] dopo  
Utente 181XXX

Iscritto dal 2010
LA RINGRAZIO PER LA VELOCE RISPOSTA,
NEL' ECOGRAFIA SI EVIDENZIAVA UNA MODICA IPERVASCOLARIZZAZIONE NELLA PARTE MEDIA DELLA PROSTATA, PREMETTO CHE UN ORA PRIMA AVEVO AVUTO UN RAPPORTO SESSUALE, QUESTA MODICA IPERVASCOLARIZZAZIONE COSA SIGNIFICA? PUO ESSERE UN FATTORE NORMALE DOVUTO AL RAPPORTO SESSUALE? E' UN SEGNO DI CONGESTIONE?PREMETTO CHE QUANDO AVEVO FATTO L' ECOGRAFIA NON AVEVO NESSUN TIPO DI BRUCIORE.
LE CALCIFICAZIONI POSSONO PROVOCARE DELLE INFIAMMAZIONI TALI DA CREARE UN EIACULAZIONE PRECOCE? SCUSI SE LE FACCIO QUESTE DOMANDE MA LACOSA MI CREA MOLTA ANSIA
UN ULTIMA DOMANDA HO SENTITO PARLARE DI PROSTATITE ASINTOMATICA SU INTERNET, MA IL MIO UROLOGO DICE CHE LA PROSTATITE ASINTOMATICA NON ESISTE, NON ESISTE PROSTATITE SENZA SINTOMI, LEI COSA NE PENSA?
LA RINGRAZIO PER LA DISPONIBILITA'
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore, ad onta di tirarmi addosso un montagna di denunce le dico che le prostiti asintomatiche esistono nei siti di colleghi bisognosi di pazienti. Con questo concordo col suo urologo. La prostata è un eggeggino grosso come una castagna che pesa al massimo 20g su cui scaricano dai 50 ai 70 kg in posizione seduta (il peso del corpo fino al perneo). Le didomogeneità e le calcificazioni sono il minimo sindacale e non fanno nulla. Ora le dico che il nostro dialogo è seguito con attenzione da colleghi che fanno commenti scientifici a lei non visibili, come è ovvio quando si indirizza domanda a specifico collega.
Spero non le spiaccia se li chiamo in aiuto:
Valeria te che psico vupoi spiegare perchè è più facile credersi malati che sani?
Giulio: vieni fuori.