Utente 180XXX
Salve, spiego la mia piccola odissea partendo dalla cronologia degli eventi.

Sono stato fidanzato per 10 anni con una ragazza senza che tra noi siano avvenuti tradimenti quindi escludo con certezza problemi a livello di MST con questa ragazza. Dopo di lei, ho avuto rapporti vaginali e orali (non sempre protetti) con una ragazza brasiliana ininterrottamente dall'11 luglio al 23. Dal 23/7 non ho più avuto rapporti, nè con questa ragazza, nè con nessun'altra.

Verso il 10 di agosto mi sono accorto di chiazze biancastre sugli slip, leggero bruciore durante la minzione e leggero prurito sul glande (questi problemi NON li avevo mai avuti).

Il 13/8 sono stato presso un centro MST per fare i test (sangue + tampone uretrale). I seguenti:

- HIVAb, esito: NON REATTIVO
- RPR, esito: NON REATTIVO
- Test di screening IGG+IGM, esito: NON REATTIVO
- TPHA, esito: NON REATTIVO
- IgG SIFILIDE: 0.16 (index: 0.00 - 1.00)
- IgM SIFILIDE: 0.13 (index: 0.00 - 1.00)
- Esame colturale per MICETI, esito: NEGATIVO

- Tampone Balano Prepuziale (esame colturale), esito: STAPHYLOCOCCUS AUREUS

- Tampone Uretrale (esame colturale), esito: NEGATIVO GERMI PATOGENI
- Materiale biologico (esame colt per NEISSERIA GONORRHOEAE), esito: NEGATIVO
- Materiale biologico (ricerca Micoplasma e/o Ureaplasma), esito: NEGATIVA

- Ricerca DNA di CHLAMYDIA T. (PCR Real Time), esito: POSITIVA

La ragazza brasiliana - QUINDI - mi ha contagiato la Clamydia T. (anche lei ha fatto il test e infatti è risultata positiva).

Ritirati i referti dopo circa 10gg, il medico del centro MST mi ha prescritto 10gg di BASSADO 10 mg.

Durante la terapia ho avuto dei dolori ai testicoli con diminuzione delle perdite. Dopo questi 10gg, le perdite sono praticamente sparite, anche se ho continuato ad avere un senso di fastidio ai testicoli.

Dopo altri 10gg, il 22 settembre, ho fatto un tampone uretrale con il seguente esito:

- RGC CAMP. APP. GENITOURIN, esito: Flora Microbica NON significativa
- RIC. Microplasma AST, esito: NEGATIVO
- RIC. CHLAMYDIAE SDA, esito: NEGATIVO

Nonostante l'esito fosse negativo ho però continuato ad avere fastidi ai testicoli, senza perdite. Il mio medico di famiglia mi ha quindi prescritto 2 scatole di Flaminase (2 pillole al dì) che mi hanno effettivamente fatto passare i fastidi.

Oggi, a distanza di 3 mesi, mi sono ricomparse in maniera molto lieve e non tutti i giorni, le macchie sugli slip e, ogni tanto, un po' di bruciore quando urino, con in più, ogni tanto, un senso di fastidio ai testicoli.

Alla luce di quanto scritto, chiedo:

- Avete qualcosa da consigliarmi?
- E' possibile che la Clamydia sia ancora presente?
- E' possibile che mi sia preso anche la Sifilide e/o HIV (qualche giorno fa, per un paio di gg ho avuto dolori forti alla schiena, mal di pancia, nausea e fastidi alla vista).
- Ci sono possibilità che la Sifilide e/o HIV non siano stati diagnosticati a causa dei falsi negativi oppure perchè il test è stato fatto poco meno di 30gg dall'utlimo rapporto?

Grazie.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
SALVE,
DA QUANTO CI RACONTA, POTREbbe essere possibile che ci sia stata una progressione verso l'alto dell'infezione, cioè alla prostata o alle vescichette seminali ecc. La chlamidia mal curata spesso lo fa. Essendo sentomatico io le avrei a suo tempo proposto un altro ciclo di terapia con clortetraciclina, ovvero avrei continuato un pò di più il primo ciclo. Le consiglierei due cose: primo recarsi da un buon dermatologo che le rifaccia i tamponi uretrali, poi valutare lo stato delle vie genitali con l'aiuto di un urologo per escludere problemi tipo vescicoliti o prostatiti.
Ci faccia poi sapere come è andata

Buona serata

Mocci
[#2] dopo  
Utente 180XXX

Iscritto dal 2010
Grazie dottore per la risposta. Le faccio una domanda che parte da un ragionamento...

se prima della Clamydia non ho mai avuto problemi come quelli che sto avendo ora (fitte lievi in cima al canale uretrale, qualche volta formicolio nella parte bassa dei testicoli, ogni tanto fastidio ai testicoli, ogni tanto leggero bruciore quando urino, ogni tanto qualche perdita non abbondante) e se da quando ho terminato la terpaia di Bassado (10 gg) i problemi (fastidio ai testicoli, bruciore quando urinavo, fitte sul canale uretrale, perdite abbondanti) si sono ridotti a quelli che le ho elencato poco più su, non sarebbe utile fare un ulteriore ciclo di Bassado che, come dice lei, forse è stato troppo breve? Non si potrebbe fare un altro ciclo di altri 10 gg di clortetraciclina che forse metterebbero definitivamente fine anche a questi ultimi rimasugli fastidiosi e ansiogeni? Le sembra una domanda che ha origine da un ragionamento sbagliato?

Consideri che io non prendo antibiotici da quando ero un ragazzino e non sono un gran consumatore di farmaci.

Comunque, per il momento, ho fatto l'esame "coltura delle urine" (in attesa di esito) e la prox settimana farò una ecografia scrotale. Inoltre oggi ho fatto nuovamente il test per l'HIV e per la Sifilide, che da quanto mi hanno detto, l'esame, fatto dopo 3 mesi dall'ultimo rapporto, dovrebbe dare un esito definitivo (il primo test l'avevo fatto un mese dopo l'ultimo rapporto e aveva dato esito negativo).

Mi faccia sapere se il ragionamento che ho fatto a lei posso farlo anche al mio medico di base sperando che lo capisca e che mi prescriva questo ulteriore ciclo di bassado.

Grazie di cuore per la risposta.