Utente 181XXX
Salve, circa due settimane fa mi sono accorto di avere delle perdite biancastre dal pene, più precisamente il liquido è sul glande e sembra non fuoriuscire dall'uretra. Contemporaneamente a questa sintomatologia riscontro talvolta prurito e lieve bruciore alla fine della minzione. Visivamente il pene non presenta niente di anomalo casomai solo dei lievi arrossamenti del glande che sono occasionali. Rivolgendomi al mio medico curante ho svolto esami di accertamento quali Urinocoltura che referta:" Assenza di sviluppo. Potere antibatterico assente", U-Es. colt. Chlamydia con esito "Negativo", Spermiocoltura per ricerca chlamydia, germi comuni, mycoplasmi e gonococco esito: "Mycoplasma hominis - Negativo; Ureaplasma urealyticum - Negativo; Amplif. genetica chlamidya tracom. - Negativa; Esame colturale aerobi - Negativo.
Sempre il mio medico curante mi aveva prescritto il tampone uretrale che però non ho potuto effettuare in quanto le secrezioni biancastre e maleodoranti sono scomparse dopo 5-6 giorni. (Questa è stata la giustificazione che mi ha dato il personale tecnico incaricato a fare l'esame).
Preciso che l'unico rapporto sessuale non protetto l'ho avuto tre anni fa e apparentemente non ho mai riscontrato sintomi del genere.
Mi chiedevo quali altre possibili malattie veneree e non, oltre a quelle già prese in considerazione dalle analisi eseguite, possono comportare i sintomi che ho attualmente (prurito, talvolta bruciore) e quelle che ho avuto (perdite di liquido biancastro).

In attesa di un vostro parere ringrazio in anticipo, cordiali saluti
[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente

il metodo per fare diagnosi di una malattia venerea o una dermatosi genitale non e' questo :

esami fatti a caso senza una validazione specialistica servono a poco; solo la visita specialistica venereologica (che la invito a fare) potrà chiarire il suo problema a prescindere dagli esami.

Cari saluti
Dott Laino, Roma

[#2] dopo  
Utente 181XXX

Iscritto dal 2010
Stima.ssimo Dott. Luigi Laino, innanzi tutto grazie del suo consiglio. Inutile dirle che la visita specialistica come da lei suggerita è già stata prenotata ancor prima di pubblicare questo post.
Sono certo tuttavia che il mio problema non si sarebbe risolto come lei asserisce a prescindere dagli esami. Come può una sola visita specialistica senza esami di laboratorio escludere a priori le malattie per le quali ho effettuato le analisi?
Dalla sua risposta deduco che esista un altro metodo per diagnosticare malattie veneree o dermatosi genitali, mi saprebbe indicare quali sono?

cordiali saluti