Utente 181XXX
Salve, sono un ragazzo di 35 anni, alto 1,72 m. per 73 Kg, un anno e mezzo fa (giugno 2009) mi hanno diagnosticato una TV succlavia e ascellare sx.
L'episodio mi preoccupò abbastanza, anche perchè ho sempre goduto di ottima salute e non avevo mai avuto nulla.
Iniziano tutti gli accertamenti del caso: analisi, radiografie, Tac,visita cardiologica, ma fortunatamente è tutto nella norma.A questo punto si ipotizza che la causa possa essere stata un trauma (scontro) subito due settimane prima, durante una partitella di calcetto.
Si passa comunque all'analisi molecolare per trombofilia genetica e il risultato è stato il seguente: soggetto portatore di allo stato eterozigote della mutazione C677T del gene MTHFR; allo stato omozigote del polimorfismo 4G/4G del gene dell'inibitore dell'attivazione del Plasminogeno di tipo I (PAI-1); allo stato eterozigote del polimorfismo del gene dell'Antigene Piastrinico HPA-1 a/b; allo stato omozigote del polimorfismo Delezione/Delezione Del/Del del gene dell'enzima convertitore dell'Angiotensina I, ACE; delle isoforme E3/E4 dell'Apolipoproteina E, APO-E.
Pertanto la diagnosi dello specialista è: paziente con trombofilia genetica e mista, anche se lo stesso mi ha rassicura che non si tratta di una marcata propensione e che probabilmente la causa della TVP era dovuta a più fattori concomitanti. Aggiungo che l'esame EcoDoppler, dopo 6 mesi, rileva una buona ricanalizzazione, lieve ectasia e piccole deposizioni calcifiche parietali, rimanente circolo venoso superficiale e profondo pervio senza segni ecocolor doppler di TV in atto o pregressa, assi esaminati continenti.
Attualmente, su indicazione dell'ematologo, non seguo una terapia anticoagulante e le ripetute analisi confermano che i valori sono perfettamente nella norma, d'altronde da quel lontano 15 giugno 2009 non ho più avuto alcun disturbo nè fastidi.
Tutto quanto premesso, le mie domande sono due:
- Va bene non seguire una terapia antitrombotica, o rischio qualcosa?
- Devo continuare a non fare sforzi con le braccia, o posso tranquillamente
dedicarmi alla mia attività sportiva di moto-enduro che pratico una volta a settimana?
Mi risulta difficile accettare limiti motori alla mia età....

Grazie a tutti, anticipatamente, per il vostro aiuto.
[#1] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
gentile utente,

condivido l'impostazione terapeutica del collega ematologo.

per quanto riguarda il suo sport direi che sarebbe opportuno rivolgere tale richiesta al suo curante il quale, non avendo i limiti da me sempre citati, quelli di una valutazione a distanza, potrà darle il consiglio più mirato (personalmente non mi sembra appropriato).

cordiali saluti

[#2] dopo  
Utente 181XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio moltissimo Dr. Catani per la sua disponibilità e puntualità.
Capisco le difficoltà di una valutazione a distanza, ma volevo comunque chiederLe un parere, sulla base dei dati che ho fornito.
Quale può essere stata la causa della mia TV succl. ascell.?
- La trombofilia mista?
- Il trauma subito durante la partitella?
- Le minime variazioni dell'omocisteina o Lac 1, presenti al momento dell'evento, ma ormai completamente regolari?

Grazie infinite.