Utente 165XXX
salve,

sono affetto da sindrome wpw... un mio amico ha fatto l'ablazione transcatetere sempre per WPW e la sua via anomala era parahissiana... il problema sorge dal fatto che oltre al fatto di essere parahissiana era vicino al nodo atrio-ventricolare e dopo l'intervento è sorto un blocco di branca destra (mi pare completo)...
"
vorrei sapere se il fatto che era vicino al NAV e che l'ablazione ha provocato il blocco possa dipendere dal fatto che la sua via anomala era parahissiana...
probabilmente non centra nulla ma ho questa curiosità...
e se possibile vorrei sapere cosa cambia tra parahissiana e altri tipi...
"
come al solito ringrazio anticipatamente...
cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Russo
36% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,

Il termine "parahissiano" indica la vicinanza anatomica della via anomala al normale sistema di conduzione cardiaco (NAV - Fascio di His -branca destra).

L'ablazione mediante radiofrequenze in questi casi è associata ad un maggior rischio intraprocedurale e postprocedurale di comparsa di lesioni del sistema di conduzione (blocchi atrio ventricolari, blocchi di branca destra).

Altre localizzazioni della via anomala sono:
- laterale sinistra (tra atrio e ventricolo sinistro)
- laterale destra (tra atrio e ventricolo destro)
- postero-settali (nel setto interventricolare ma dietro al sistema di conduzione)
- antero-settali o prahissiane (nel setto interventricolare ma vicino al sistema di conduzione)

Queste ultime sono le più rare (10%) e a maggiore rischio di complicanza per la vicinanza con il normale tessuto di conduzione.
Cordiali Saluti
[#2] dopo  
Utente 165XXX

Iscritto dal 2010
la ringrazio per averi risposto dr. Russo

a me hanno detto che la mia via anomala (guardando l'ECG) dovrebbe essere posteriore destra...

se così fosse, quale rischio di complicanza vado incontro?
e ritornando al discorso di prima, è cosi facile provocare un blocco di branca destra?

perché io sapevo che i rischi di tale procedura sono nell'ordine del 1 massima 2%...

la ringrazio anticipatamente, cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Russo
36% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,

la localizzazione della via anomala all'ECG è indicativa, il solo studio elettrofisiologico endocavitario ci permette di determinarne la localizzazione precisa.

In genere i rischi procedurali sono legati alla vicinanza della via anomala al normale tessuto di conduzione.
Il più temibile è il blocco atrio-ventricolare completo che renderebbe necessario impianto di pacemaker.
Il blocco di branca destra, meno rappresentato, è una complicanza di minore entità.

Mi preme sottolineare che la percentuale di rischio è molto bassa (0,8-1%) specialmente se si effettua l'intervento in Centri di Eccellenza di Elettrofisiologia che hanno molta esperienza con la procedura.

Cordiali Saluti


[#4] dopo  
Utente 165XXX

Iscritto dal 2010
la ringrazio per il rinnovo di tranquilità nei meie confronti...

il centro dove andrò è il policlinico San Donato Milanese con primario in aritmologia il dr Cappato...
per quanto ne sò dovrebbe essere tra i migliori dottori in italia speccializzati in aritmologià...

per quello che ho capito spero quindi di avere una via anomala postero-settale, per avere il minor rischio possibile per quanto basso sia già in partenza la procedura in genere...

la ringrazio vivamente, cordiali saluti
[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Russo
36% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2010
Gentile Amico,

la struttura scelta è una delle più valide in Italia.

Cordiali Saluti