Utente 490XXX
Salve, io ho un problema: SOLO quando sono in luoghi chiusi in cui c'è gente mi cominciano a sudare le mani e specialmente quando devo salutare qualcuno ciò mi crea imbarazzo. In altre occasioni, luoghi aperti, altri luoghi chiusi magari dove c'è meno gente, le mani non sudano. Qualche anno fa il dermatologo mi diede un liquido apposito da mettere sulle mani di cui adesso non ricordo bene il nome ma non mi ha fatto nulla. Non vorrei ricorrere all'intervento botulinico...eventualmente quanto verrebbe a costare? Visto che non è un problema che si presenta solo alcune volte, c'è una crema che lo puo bloccare momentaneamente? puo dipendere da uno stato ansioso? c'è qualcosa per bloccarlo?
grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente

la descrizione che fa del suo caso è verosimilmente compatibile - e lo diciamo sempre in via non vincolante - con un caso di iperidrosi primaria distrettuale.

questa patologia è legata a neuromediatori dello stress psicologico, come l'acetilcolina, che, a seguito di momenti stressogeni, viene liberata e va a legarsi a livello recettoriale con le ghiandole sudoripare eccrine - in questo caso delle mani - ma ciò vale anche per i cavi ascellari o le regioni plantari o ancora quelle frontali e del viso - aumentando in maniera eccessiva la produzione di sudore.

L'unica terapia efficace ad oggi è la tossina botulinica che ha un elevato profilo di tollerabilità e sicurezza oltre ad una efficacia dimostrata soprattutto per le ascelle e un poco meno per le mani.

Sono terapie temporanee ma è validato che dopo alcune sedute il paziente migliora anche da sé la produzione di sudore (forse perchè l'idea di avere un dispositivo efficace automodula in modo intrinseco la produzione)

La terapia è comunque costosa perchè una fiala di tossina botulinica tipo A è di per sé costosa e perchè la procedura è comunque lunga ed elaborata del il dermatologo.

Gli antitraspiranti purtropo servono a poco e hanno comunque effetti collaterali a lungo termine. Utile riferirsi al dermatologo.

carissimi saluti

Dott. LAINO, Roma
[#2] dopo  
Utente 490XXX

Iscritto dal 2007
Comunque ho notato che questo fenomeno si verifica nel 90% dei casi durante le stagioni intermedie: autunno e primavera mentre in inverno ed estate pochissime volte o addirittura mai si verfica. C'è una correlazione con l'ambiente esterno o comunque con il cambiamento di clima delle stagioni? In questo periodo mi lavo spesso le mani...potrebbe anche dipendere da quello??
Grazie