Utente 114XXX
Buongiorno,
Sono un ragazzo di 31 anni, tre anni fa fui operato per un tumore al testicolo sx (a cui seguirono 3 cicli di chemioterapia BEP) e regolarmente mi sottopongo ai controlli periodici che finora son risultati tutti positivi. Durante l'ultimo controllo dall'ecografia è risultata una lesione ipodensa di massimo 9 mm nel corpo del pancreas.
Mi è stata dunque consigliata una TC mdc all'addome inferiore e superiore.
Il risultato della tac è il seguente:

pancreas con dimensione e profili regolare; solo in virtu' del ecografico è riconoscibile, nella fase arteriosa di infusione di mdc iv, una piccola areola ipodensa della ghiandola, di 9mm circa, a livello del corpo, non riconoscibile nelle restanti fasi dell'indagine.
Il reperto non è tipizzabile dall'esame TC ma non parrebbe rivestire caratteristiche di evolutività.
E' indicato continuare il monitoraggio mediante ecotomografia.
Nessuna lesione epatiche, vie biliari non dilatate.

Tra l'ecografia e la tac intercorsero circa 20 giorni. Una settimana prima della TC avvertii dolori all'addome inferiore a sinistra, poco piu' in alto della vescica (dolori persistenti e continuativi per 4 giorni..tra l'altro dolori iniziati improvvisamente) e gonfiore. In quell'occasione le feci erano chiare e galleggianti. Nonostante il dolore fosse scomparso pochi giorni dopo (forse grazie ai fermenti lattici) le feci ad oggi (è trascorso piu' di un mese oramai) hanno ancora quella consistenza (dovrebbe essere sinonimo di malassorbimento).
Inoltre da pochi giorni mi sembra di avvertire una leggera pressione sulla parte alta e sinistra dell'addome..piu' che un dolore è un leggero fastidio che viene percepito solo in alcuni momenti (tra l'altro la componente psicologica incide..ovviamente ora faccio piu' caso a tutto e l'attenzione è sempre rivolta all'addome..probabilmente non avessi saputo nulla non me ne sarei nemmeno accorto o avrei comunque tralasciato la cosa). A livello fisico mi sento bene, ho appetito e non ho avvertito cali di peso neppure minimi.
Avendo già avuto esperienza con i tumori mi viene, purtroppo, logico pensare al peggio.
E' possibile che si tratti di un'infiammazione o di un'infezione batterica o cisti?
Esistono marcatori che diano una risposta sicura di presenza di neoplasia seppur in oggetto vi sia una massa minima?
E' possibile che i chemioterapici assunti in passato creino aree di fibrosi anche nel pancreas e che queste aree si manifestino dopo un discreto lasso di tempo?

Grazie in anticipo per le risposte..
[#1] dopo  
Dr. Carlo Pastore
36% attività
12% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2004
Gentile Utente,

a mio avviso non si tratta di una lesione tumorale. Eseguirei comunque per scrupolo una RMN dell'addome superiore. Questo per tipizzare meglio l'area di disomogeneità. La sintomatologia riferita potrebbe essere riconducibile allo stress causato da una preoccupazione improvvisa.

un caro saluto