Utente 129XXX
In una discussione con degli amici che dicevano che spesso gli extracomunitari dei paesi arabi e africani puzzano per mancanza di igiene io sostenevo che era dovuto sopratutto alla sudorazione tipica della loro pelle che emana un odore molto diverso della nostra pelle questo mi fu detto qualche anno fà da una maestra che lavorava a contatto con gli extracomunitari ogni giorno per cui chiedo se ciò che mi è stato riferito è vero e cioè se è un problema di epidermide o se purtroppo è un problema di mancanza di cultura di igiene personale.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Strana curiosità , mi consenta.
Comunque; tutti gli studi più recenti ed accreditati confermano come non vi siano diversità a livello di distribuzione delle ghiandole sudoripare e sebacee su base razziale ma più che altro su base climatica, come dimostrato da studi su neri africani versus neri americani.
In parole povere, siamo tutti uguali. Alcuni meno, quando svelano tramite loro olfatto i loro tristi preconcetti .
Cordialità
[#2] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto
56% attività
16% attualità
20% socialità
COMO (CO)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2007
Gentile signore,
sono in perfetto accordo con quanto esposto dal collega dr. Griselli e aggiungo alle circostanze ambientali una nota gastroenterologica.
Le variazioni di odore della pelle dipendono in parte dalle molecole che provengono dall'assorbimento intestinale e che, presentandosi in soluzione nel sudore e nel sebo, vengono ulteriormente metabolizzati dai batteri sulla superficie cutanea.
Comunità con abitudini alimentari diverse possono presentare pertanto "odori" diversi.
Cordiali saluti.
[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
La "cultura" all'igiene personale NON ha etnia:

essa deriva dalla Filosofia di ciascun popolo e dalla cultura di ognuno.

La povertà ed i paesi poveri non sono più sporchi dei paesi ricchi: forse è vero il contrario e non parlo in senso lato.

Richiamando il Manzoni, mi piace il riferimento a Fra Cristoforo, il quale era un soggetto fuori dalla norma poichè aveva delle vesti poverissime e lacere, ma sempre pulite, così come la sua persona; al contrario di ciò che accadeva nella borghesia lombarda (richiamo "i Promessi Sposi") tutta pomposa e apparentemente ben vestita e parruccata, ma sporca nella persona e nel vestiario.

Forse il Manzoni voleva dirci ben altro e forse le nostre coscienze dovrebbero farci guardare la bellezza della vita a prescindere dall'incarnato del viso e dal odore delle loro abitudini culinarie che spesso non sono meno forti di quelle che si anelano fuori dagli "apparenti ricchi" fast-food metropolitani.

Spero che questo utente abbia scritto questa richiesta un pò per curiosità ed un pò per noia (vedi "gli amici al bar") e spero che leggendo le mie parole possa avere una curiosità più grande: quella di capire un poco di più della cultura e della Filosofia dei popoli che gli stanno accanto; magari a Brescia come nelle nostre grandi città riconosco essere spesso difficoltoso, ma con un buon libro o se ne avrà la fortuna con un piccolo viaggio di anche 1 ora di aereo, riuscirà a scoprire molto non solo degli altri, ma soprattutto di sé stesso.

Dott. LAINO, Roma
[#4] dopo  
Utente 129XXX

Iscritto dal 2009
Io non ho preconcetti di nessun tipo e la mia domanda non era fatta sulla mia noia ma sul capire se la mia risposta data agli amici era giusta tutto quì.
Vorrei però che da parte Vostra impariate a non avere voi pregiudizi nei confronti di chi vi può porre domande anche strane e che fan parte della quotidianità e del confronto tra persone dicendo farsi tipo "preconcetti o che qualcuno è meno "uguale" solo perchè rileva un problema e la pensa diversamente da Voi anche perchè se io mi trovo da solo a cercare di far capire ai miei amici che l'odore è parte della loro pelle e poi anche a me succede che aspettando dal dottore condotto 2 ore per una visita e mi trovo che entra un amico marocchino o pakistano e l'aria diventa insopportabile per un tipo di odore, credo che sia normale chiedere a Voi medici un consulto se ciò fà parte della loro pelle e se è per mancanza di igiene che avviene spesso anche per gli italiani ed europei anche perchè credo che si possa aiutarsi a vicenda a corregersi perchè anche la convivenza civile parte dal rispetto dell'altro nel rapportarsi anche con il prorio corpo per cui non erigete sentenze ma capite ciò che vi chiedevo.
Grazie distinti.
[#5] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Bene, registriamo la sua buona fede ,nessun problema.
Come dice lei , nessuno può esprimere sentenze , giudizi o pregiudizi. Stessa cosa avrei risposto comunque se il pz marocchino avesse espresso lo stesso dubbio nei confronti di italiani.
E' comunque ovvio che qualunque soggetto , che non possa per vari motivi praticare quella forma di igiene -pulizia che ai giorni nostri viene considerata desiderabile ,emette spiacevoli odori corporei.
Provi a pensare che cosa poteva esserci nelle camerate del medioevo, nelle caserme settecentesche, nelle navi di emigranti che arrivavano dopo una lunga traversata in America. E quindi per gli americani eravamo "sporchi" e "straccioni", come si legge in vari documenti dell'epoca.
E pensi che in Italia, per secoli,l'atto di lavarsi , visto che per motivi religiosi era considerato peccaminoso, e anche nocivo alla salute, NON veniva praticato PER TUTTA LA VITA!
Comunque la ringraziamo per averci dato uno spunto di riflessione veramente interessante e stimolante.
cordialità
[#6] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Direi di chiudere il discorso qui, perchè ritengo che abbia avuto delle risposte importanti e fondanti dai miei colleghi, rispetto al suo quesito;

Il sottoscritto ha purtroppo o perfortuna "pregiudizi per chi ha pregiudzi" e leggendo il suo primo quesito, questo è quello che ho evinto.

Se abbiamo male inteso la sua volontà, credo che il suo chiarimento abbia favorito una migliore comprensione fra tutti

[#7] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Direi di chiudere il discorso qui, perchè ritengo che abbia avuto delle risposte importanti e fondanti dai miei colleghi, rispetto al suo quesito;

Il sottoscritto ha purtroppo o perfortuna "pregiudizi per chi ha pregiudzi" e leggendo il suo primo quesito, questo è quello che ho evinto.

Se abbiamo male inteso la sua volontà, credo che il suo chiarimento abbia favorito una migliore comprensione fra tutti

[#8] dopo  
Utente 129XXX

Iscritto dal 2009
Grazie mille per avermi risposto abbiamo chiarito sia da una parte che dall'altra e vi auguro buon lavoro per la Vostra preziosa Professione al servizio dell'uomo.
Con ogni cordialità.