Utente 181XXX
Buongiorno, sono una ragazza di 38 anni che lavora in una azienda ospedaliera da quasi 10 anni come ausiliara specializzata, nel 2006 ho fatto domanda per una malattia professionale a seguito dei forti dolori di schiena per il lavoro molto pesante, dalla risonanza cervicale sono risultate:protusioni miste discali da C4 a C7 ed osteofitiche improntantilo spazio subaracnoideo anteriore con prevalenza discale a carattere erniario in sede mediana-paramediana dx a livello C6-C7.Dalla risonanza lombo sacrale risultò:piccole ernie di Schmorl multi-metameriche ai metameri dorsali e caudali, disco-malacia disidratativa moderata L1-L2 con piccola ernia di Schmorl alla limitazione craniale di L-2,a L-3 a L4 disidratazione malacica discale, ad L4-L5 disco malacia disidratativa con protusione discale poterione mediana improntante lo spazio subaracnoideo anteriore,a L-5 S-1 disco-malacico disidratato di normale spessore con piccola ernia posteriore mediana tendente alla dislocazione caudale.

L'INAIL mi riconbbe la M.P. del 6% ora mi trovo sotto infortunio da tre settinane in attesa di fare una nuova risonanza. Quello che volevo chiederle è questo, questo improvviso peggioramento è dovuto al fatto che l' Azienda mi ha spostato con tanto di visita di idoneità su un posto di lavoro dove in pratica devo pulire con mocio, mop un padiglione di 600 mq spolverare circa 20 scrivanie oltre che 12 bagni etc. e portare via sacchi di spazzatura fino a 100 metri dalla struttura? Quello che voglio sapere è con quello che ho è veramente senza rischi per me questo lavoro?E se si cosa posso fare?

ringrazio anticipatamente per la risposta Fiorella
[#1] dopo  
Dr. Giovanni Migliaccio
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile signora,
in attesa che Le risponda un medico legale o del lavoro, io Le posso dire che la situazione della colonna vertebrale, i Suoi sintomi, vanno presi in considerazione dal punto di vista clinico per giungere a una possibile terapia che però solo a seguito di una visita specialistica potrà essere indicata se medica o chirurgica.

Non ho capito se le mansioni che ora sta svolgendo sono meno gravose rispetto al periodo precedente il riconoscimento dell'INAIL.
In ogni caso ritengo che possa chiedere, su base clinica, un aggravamento della patologia e la assegnazione a mansioni ulteriormente meno gravose o sedentarie (sempre che lo stato patologico sia congruo a tale finalità)

Cordialmente