Utente 112XXX
mio padre 65 anni dopo due interventi di by pass nel giro di 2 anni, si e' sottoposto ad una prova di sforzo con tale esito:
test interrotto al II step di bruce, a 144bpm, pari al 92% della f.c. massima prevista per l'eta',per esaurimento muscolare. Normale incremento cronotropo e pressorio,PA massima 160/90 mmhg DP 21600,frequenti bev isolati, in coppia ed eventi almeno 2 morfologie,non riferito angor..Non rilevate, al carico di lavoro raggiunto, anomalie significattive del tratto ST-T rispetto all'ECG di base.
n.b. e' tutto ok? grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Russo
36% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,

l'assenza di anomalie del tratto ST-T ad una frequenza del 92% della teorica massimale prevista per l'età ci tranquillizza.

Sarebbe utile capire se i BEV (extrasistoli ventricolari) diminuiscono o aumentano con lo sforzo. Nel primo caso è un indice positivo; nel secondo sarebbe utile un approfondimento diagnostico con miocardioscintigrafia da sforzo.

Cordiali Saluti
[#2] dopo  
Utente 112XXX

Iscritto dal 2009
grazie,gentilissimo
[#3] dopo  
Utente 112XXX

Iscritto dal 2009
gentilissimo dottore, volevo anche precisare che mio padre tra gli altri farmaci assume anche il corlentor,e' giusto continuare con tale farmaco o dovrebbe sospenderlo? grazie
n.b. il cardiochirurgo che l'ho operato (ad alessandria(to)) in seguito ad un controllo ha fatto capire che forse andava sospeso il corlentor, ma ha detto che lo avrebbe deciso dopo che gli avremmo portato gli esami che mancavano come l'esame della tiroide, la prova di sforzo,l'holter,ecocardiogramma, lei cosa pensa in merito.grazie.
[#4] dopo  
Dr. Vincenzo Russo
36% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2010
Gentile Amico,

ad oggi la terapia con ivabradina (corlentor) è indicata per il trattamento sintomatico dell’angina pectoris cronica stabile (dolore toracico da sforzo) in pazienti con coronaropatia e normale ritmo sinusale:

- nei pazienti che non sono in grado di tollerare o che hanno una contro-indicazione all’uso dei beta-bloccanti

- in associazione ai beta-bloccanti nei pazienti non adeguatamente controllati con una dose ottimale di beta-bloccante e la cui frequenza cardiaca sia > 60 bpm

Se suo padre non rientra in questa categoria, non esistono evidenze scientifiche circa la reale utilità del farmaco in oggetto, che può essere sostituito dal solo beta-bloccante.

Cordiali Saluti
[#5] dopo  
Utente 112XXX

Iscritto dal 2009
gentile dottore mio padre ha effettuato da pochi giorni l'holter ecg con il seguente esito:
la fc media e' stata 52,la fc minima e' stata 35 dalle 12:28, la fc massima e' stata 95 alle 08:15, le pause maggiori di 2.5 secondi sono state 0, battiti ectopici ventricolari 404, con 0 run V e 0 coppie V, battiti ectopici sopraventricolari 607, con 8 run SV, totale minuti episodi ST 0, come e' la situazione? grazie.
[#6] dopo  
Dr. Vincenzo Russo
36% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2010
Gentile Amico,

l'assenza di aritmie ventricolari complesse ci tranquillizza, così come le sporadiche extrasistoli sia ventricolari che sopraventricolari.

Bisognerebbe capire quanto durano e di che tipologia sono i Run SV, che di per se rappresentano un problema solo se sostenuti (< 30 secondi), sintomatici o se si tratta di crisi parossistiche di fibrillazione atriale.

Cordiali Saluti