Utente 157XXX
GENTILISSIMI DOTTORI,
ho effettuato pochi mesi fa un intervento chirurgico toracico in anestesia totale. Al risveglio, l'anestesista mi ha detto che durante l'intubazione ci sono stati dei problemi che non erano stati previsti.
L'epiglottide fissa ostruente ha creato difficoltà; dopo quattro tentativi sono riuscitiì, tramite tubo mandrinato, ad intubarmi.
Mi hanno consegnato un foglio che dovrò sempre mostrare in caso di necessità, dove si dice di effettuare eventuale intubazione tramite fibrobroncoscopio, da sveglia, con la presenza di personale esperto ad intervenire prontamente in caso di insuccesso.
Mi devo preoccupare?
Cosa succede se mi dovessi trovare in stato di incoscienza e non potessi comunicare questo problema a chi mi soccorre? E' frequente questo tipo di problema ? A gennaio dovrò sottopormi a polipectomia gastrica tramite gastroscopia, potrebbero esserci dei problemi? Devo effettuare tale intervento necessariamente in ambiente dotato di rianimazione?
Grazie per le vostre risposte,
Laura

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Gentile utente buona sera, il suo non è un problema poi così isolato, capita, anche se non frequentissimamente di avere difficoltà, o peggio di non riuscire ad intubare un paziente.
Per quanto riguarda la polipectomia gastrica, non ci dovrebbero essere problemi nell'introdurre il gastroscopio, ma se dovesse fare una sedazione, anche se questa non prevede l'intubazione, sarebbe meglio comunque informare l'anestesista.
Per quanto riguarda il suo altro quesito, senza drammatizzare, sarebbe comunque opportuno avere sempre con se, per esempio nei documenti, uno scritto che avverta della sua difficoltà anatomica all'intubazione.
Cordiali saluti.