Utente 667XXX
Gentili medici, circa 3 anni fa durante un rapporto sessuale ho avuto un microtrauma al pene.
Ho provato dolore e bruciore,ma non molto intensi e senza alcun rigonfiamento. Mio malgrado, ho trascurato questo problema senza fare alcuna visita. Ad 1 anno da questo evento ho notato una curvatura del mio pene verso dx e dopo esser stato visitato da un andrologo, mi è stato detto di avere una fibrosi dei corpi cavernosi (sul referto: ispessimento granuloso)ma assenza di placche da IPP.

Ho assunto tamoxifene per 20gg, VitE (300mg al dì per 3 mesi) e Acetil-carnitina (500mg al dì per 1 mese). Oggi,a distanza di quasi 3 anni dal trauma, non ho notato alcun accentuarsi della curvatura e 15gg fa durante una nuova visita andrologica mi è stata confermata l'assenza di placche. Fin qui diciamo "quasi tutto bene" perchè il mio problema è che provo dolore durante l'erezione, durante la prima spinta eiaculatoria e talvolta anche a riposo. Mi è stato detto che potrebbe essere dovuto anche ad un'infiammazione prostatica,o ad un varicocele. A breve farò una transrettale e un'eco testicolare.
Ma io vorrei sapere:
posso dormire sogni tranquilli riguardo all'induratio penis plastica?? Ovvero questi postumi possono essere considerati definitivi e la situazione stabilizzata o possono cmq aggravarsi?? E se sì, cosa posso fare per evitare che ciò accada?? E' possibile che il dolore al pene, sebbene si presenti in corrispondenza di dove è avvenuto il trauma, possa essere dovuto ad altro? (prostatite, varicocele...). Devo comunque rassegnarmi a convivere con il dolore e controllarmi sempre per vedere se si verifica una calcificazione della cicatrice???

Aggiungo che sono un giovane di 25 anni e che oramai non faccio altro che passare ogni giorno a pensare a questo problema.
Ringrazio tutti quanti vorranno rispondermi e aiutarmi e mi scuso se sono stato un po' prolisso.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
faccio copia incolla visti i quesiti numereosi,.

posso dormire sogni tranquilli riguardo all'induratio penis plastica??
Due casi segnalati in Italia in 20 anni di IPP sotto i 30 anni: non credo lei possa essere il terzo. IPP non sparisce mai, mi granulomi si.

Ovvero questi postumi possono essere considerati definitivi e la situazione stabilizzata o possono cmq aggravarsi?? Duipende da esito di visita e dagli accertamnenti in corso che sono del tutto congrui.

E se sì, cosa posso fare per evitare che ciò accada??
Vedi risposta prec.

E' possibile che il dolore al pene, sebbene si presenti in corrispondenza di dove è avvenuto il trauma, possa essere dovuto ad altro? (prostatite, varicocele...).
Prostaite ed uretrite soprattuto, maspettiamo esito esami. Varicocele non c' entra.
ù
Devo comunque rassegnarmi a convivere con il dolore e controllarmi sempre per vedere se si verifica una calcificazione della cicatrice???
Aspettimo esito esami. vedrei bene un ecodoppler basal4e e dinamico del pene.
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Alle cose già dette dal collega Cavallini io le posso dire che il dolore, se presente, è sempre un dato che ci dice che bisogna continuare a monitorizzare la situazione e che l'eventuale problema infiammatorio presente non è ancora risolto.

Più difficile invece fare una correlazione molto diretta tra il suo problema al pene ed eventuali altre problematiche infiammatorie a livello della prostata e soprattutto con le presenza di un varicocele.

Ora l'unica possibilità di avere chiarezze vere e reali può venire solo dal suo urologo, quello che la sta seguendo in diretta.
[#3] dopo  


dal 2012
Egregio Dott.Cavallini,

innanzitutto la ringrazio per la sua risposta celere.
Volevo chiederle: cosa sono questi granulomi?? E cosa si può fare allora per eliminarli? Possono anch'essi provocare curvatura?

Per quanto riguarda il resto, come lei ha detto, aspetterò gli esiti degli esami e di discuterne con lo specialista che mi segue..e la terrò informato, se vuole!

Distinti saluti
[#4] dopo  


dal 2012
Ringrazio anche il Dott.Beretta per il suo intervento. Indubbiamente,una volta eseguiti questi esami tornerò dal mio medico, ma purtroppo in questo frangente di tempo mi frullano nella testa un sacco di dubbi e di paure...
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
quei granulommi solo la cicatrice del trauma, possono provovocar4e (raramente) curvature, la terapia mi pare congrua.
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Niente dubbi e paure e ci aggiorni, se lo desidera, dopo gli "esami".
[#7] dopo  


dal 2012
Carissimi medici, vorrei aggiornarvi riguardo la mia situazione:

oggi pomeriggio ho eseguito ecografia testicolare e il risultato è stato il seguente:

"I testicoli risultano bilateralmente in sede, di morfologia, ecostruttura e volume nella norma.
A carico dell'epididimo sx si apprezza minuta formazione cistica di 3mm circa. Nulla a carico dell'epididimo dx.
Fisiologica falda liquida intravaginale bilateralmente.
Assenza di ectasie del plesso pampiniforme bilateralmente".

Mi è stato detto di non preoccuparmi di questa cisti e al massimo di fare ogni anno un'ecografia per vedere se si ingrandisce, anche se non dovrebbe farlo.

- Voi che ne pensate a riguardo???

Ho parlato inoltre con l'ecografista della mia situazione (che ho descritto qui sopra a voi ieri) e mi ha detto che ci potrebbe essere un' uretroprostatite e forse anzichè fibrosi o IPP al pene ( rarissime data la mia giovane età), potrebbe esserci un lieve tromboflebite al pene causata dal microtrauma che potrebbe anche essere responsabile della lieve curvatura. Naturalmente questa è solo un'ipotesi, a breve mi sottoporrò anche ad ecografia transrettale e doppler penieno e a visita andrologica.
Nel frattempo però vorrei anche chiedervi:

- l'ipotesi della tromboflebite vi sembra plausibile? Può anch'essa provocare dolori e curvatura ed essere scambiata al tatto per una fibrosi??

Ringrazio nuovamente di cuore tutti quanti vorrano rispondermi.
[#8] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Poveretta, non la guardi quella cisti se no si spaventa. Per quanto riguarda le ipotesi lascio al collega che la visita, di qua non possiamo vedere alcunchè
[#9] dopo  


dal 2012
Grazie di cuore Dott.Cavallini!!

Non appena avrò i risultati della transrettale e del doppler tornerò subito dallo specialista andrologo che mi segue.

Cordialità
[#10] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
a disposizone.