Utente 480XXX
Età: 24
Da alcuni giorni ho avuto uno sfogo di piccole vesciche sulle mani. In un primo momento non rilevante, ma subbito dopo, tale sfogo, si è propagato moltissimo ed ha interessato anche le piante dei piedi e parte delle spalle. Il mio medico curante prevede sia una reazione allergica causata dal latte dei frutti di fico, la quale oltre ad essere fastidioisa per il forte gonfiore, risulta anche pruritiginosa. Mi è stata prescritta una cura a base di crema al cortisone DERMAVAL e pasticche antistaminiche MIZZOLLEN. Vorrei solamente conferma o se possibile altre patologie con gli stessi sintomi.
Ringraziandovi porgo i più cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Michele Schiappoli
20% attività
0% attualità
0% socialità
VERONA (VR)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2000
Il latte di fico contiene delle sostanze, quali la furocumarina e l'ossalato di calcio, con effetto urticante e fotosensibilizzante. E’ un rimedio della medicina popolare usato come caustico per curare verruche e calli. A scopo abbronzante viene usato perchè amplifica gli effetti (dannosi) dei raggi ultravioletti determinando prurito, eritema, edema, fino a vere e proprie ustioni con stravasi di siero e formazione di vescicole e bolle.
Sono frequenti in estate casi di ustioni legate all'uso di preparati abbronzanti "fatti in casa" con decotto di foglie di fico. Non sono delle allergie ma delle ustioni chimiche causate dalle sostanze presenti in natura nel latte di fico.
Dalla sua descrizione non è chiaro se ha usato tali prodotti nè in che modo è venuto a contatto con il latte di fico e pertanto mi risulta impossibile affermare con certezza che i suoi disturbi siano un'ustione da latte di fico. In caso positivo la terapia più corretta sarebbe quella delle ustioni.
Grazie per l'attenzione e cordiali saluti
Dr. Michele Schiappoli
Specialista in Allergologia ed Immunologia Clinica
[#2] dopo  
3962

Cancellato nel 2010
Alla perfetta risposta del Collega vorrei solo aggiungere di fare attenzione anche agli altri alimenti che appartengono alla stessa famiglia. Saluti.