Utente 175XXX
Salve, ho 18 anni. Sabato 20 Novembre, verso le ore 20.00 dopo aver cenato, mi sono accesa una sigaretta. Ho fatto 2 tiri, ma due di numero e poi ho sentito una fitta nella zona del cuore. Ho dovuto trattenere il respiro per alcuni secondi, poi non lo più sentita. Dopo nemmeno 1 minuto ho sentito delle fitte nel braccio sinistro. Mi sono alzata e ho avuto la sensazione di svenire. Subito dopo non riuscivo a respirare, sentivo un nodo in gola e avevo la bocca "impastellata", non avevo più saliva in bocca. Mi sono seduta sul divano nella speranza passasse e invece mi sentivo svenire. Sono andata sul balcone a prendere un po' di aria e sinceramente al freddo stavo meglio un po', ma non esageratamente. Sono caduta a terra ma senza perdere coscienza, mia sorella mi ha dato uno schiaffo. Mi sono ripresa, ma sentivo la bocca inceppata e informicolata. Ho bevuto un bicchiere di acqua e zucchero e poi sono andata in pronto soccorso. Lì mi hanno attaccato al macchinario che controlla il cuore e ogni minuto mi misurava la pressione: 130 con 70. I battiti oscillavano tra i 110 e 98. La saturazione era del 95. Mi hanno dato delle gocce, il Valium probabilmente e mi sono un po' calmata però dopo 1'ora circa. Mi hanno fatto pure un elettrocardiogramma ma mi hanno detto che il cuore è apposto. L'anno scorso ho avuto un altro episodio identico e mi hanno ricoverato. Mi hanno consigliato l'holter. L'ho fatto ma mi hanno detto che il cuore è apposto. Nonostante tuttto sento questi dolori molto spesso, ma solo 2 volte mi è capitato di avere una lipotimia.
Tengo a precisare che nella sera di sabato 20 novembre avevo ricevuto la notizia della morte di mio cugino che è morto d'infarto. Non so se mi abbia influenzato perchè io sono davvero impassibile in queste cose.
In pronto soccorso mi hanno detto che dovrebbero ricoverarmi e simulare questo attacco sotto controllo medico perchè non riescono ad accorgersi se è il cuore oppure dolore retrosternale.
Preciso anche che fumo da 2 anni. Non faccio uso di stupefacenti e sono astemia. Non bevo caffè.
Che dovrei fare ora? Potrebbe essere una cardiopatia ischemica?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
considerata la rarità dell'episodio lamentato e soprattutto in corrispondenza di un intenso stress emotivo con esami clinici e strumentali poi del tutto negativi, difficilmente si può pensare ad una alterazione cardiaca. Stia perciò più serena, la possibilità di soffrire di una ipotetica cardiopatia ischemica è pressocchè nulla.
Saluti